Navigando su questo sito web si accettano i cookie utilizzati per fornire i Nostri servizi. Per maggiori informazioni leggere l'informativa sui cookie

SPAZIO MOTORI HOME PAGE- Testata giornalistica telematica autorizzata dal Tribunale di Napoli con n.5141-Dir. Resp. Dott.Massimiliano Giovine Il primo periodico telematico di informazioni ed inserzioni auto,moto,nautica,trasporti,viabilitÓ,ambiente,sicurezza stradale,ecc.Testata Giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registraz.n.5141-Provv.del 27/6/2000-Direttore Responsabile Dott.Massimiliano Giovine - ę Tutti i diritti riservati

|HOME|

|Presentazione|

|Note/GeRENZA| Cookie |

|Lettere|

|Spazio Motori "Ambiente"|

|Inserzioni gratis|

|Links auto|

|Links moto|

|Links utili|

|Assicuraz. web|

Anno XIV num.4
Lug./Ago. 2015

|C E R C A|

Moto storiche con meno di 30 anni: ritorna la tassa di possessoMOTORINO: in 2 anche a 16 anni
Moto storiche con meno di 30 anni: ritorna la tassa di possessoAuto, quanto mi COSTI
Moto storiche con meno di 30 anni: ritorna la tassa di possessoL'auto ITALIANA riparte dal lusso
Moto storiche con meno di 30 anni: ritorna la tassa di possessoAuto e TECNOLOGIA oggi
Moto storiche con meno di 30 anni: ritorna la tassa di possessoBMW serie 2 Gran Tourer 7 posti

GLI INTERNI DELLA BMW SERIE 2 GRAN TOURER

Moto storiche con meno di 30 anni: ritorna la tassa di possessoMoto D'EPOCA: ritorna la tassa?

TOYOTA MIRAI AD IDROGENO"MIRAI": idrogeno anche per casa

LA TOYOTA "MIRAI" AD IDROGENO

CARPOOLING IN TEMPO REALE EICMA moto: 73░edizione

CARPOOLING IN TEMPO REALEPRA o Motorizzazione?

CARPOOLING IN TEMPO REALERicerca sui SINISTRI in Italia

CARPOOLING IN TEMPO REALECARPOOLING istantaneoCAR POOLING: condividere l'auto

L'automobile elettrica in Italia: possibile?Auto ELETTRICA: utopia?

SEGNALAZIONI LE SEGNALAZIONI DEI LETTORI. Scrivi anche Tu!

KTM super Duke "R"

Pillole/News
Rubrica "Spazio AMBIENTE"
ARCHIVIO articoli
Scrivi a:redazione1@spaziomotori.it

 

Scrivici

Torna alla Home page

 | Gerenza |

 

L'EDITORIA: CENNI STORICI

di Eva Calvani

 

L'editoria e' sicuramente un settore affascinante, le ragioni di cio' sono senz'altro da ricercare nel fatto che essa si occupa di tramandare il pensiero e sebbene l'attivita' editoriale possa e debba essere considerata alla stregua di una qualsiasi altro esercizio commerciale ci si rendera' ben presto conto che essa non e solo la raccolta e la trasmissione di una serie di simboli e di segni, essa e' memoria poichÚ consente ai concetti di attraversare il tempo e di cambiare le dinamiche e le relazioni sociali, essa crea e consente il progresso.

Ulteriore motivo di attrattiva risiede inoltre nel fatto che essa, al contrario di quanto si pensi, affonda le sue radici in tempi molto lontani quando ancora non esisteva neppure la stampa, sembra infatti che il primo editore in senso moderno risalga alla fine del 1400, si tratta di Aldo Manuzio. Sebbene prima di lui Gutenberg avesse introdotto la stampa permettendo la diffusione di copie non pi¨ scritte a mano, egli sviluppa un processo di imprenditorialitÓ diverso nei confronti del libro, il suo scopo non era solo quello di diffondere un maggior numero di copie delle opere, egli lavoro' al progetto di preservazione dei testi della cultura greca e latina, mirando alla creazione del libro in quanto oggetto a se stante, sviluppando intorno ad esso un processo di preparazione sconosciuto fino a quel momento, con attenzione al contenuto alla forma e alla realizzazione materiale. L' introduzione della stampa costituisce sicuramente un importante passaggio per l'editoria in particolare e per il mondo culturale in genere, poiche'  la produzione di testi pubblicati aumenta notevolmente e aumentano anche i tipi di libri pubblicati.

Ad avvalorare il ragionamento che il progresso tecnologico induce spesso progresso anche in altri ambiti, verso la meta' del '500 si assiste ad un significativo cambiamento nel settore editoriale, esso che in Francia era sempre stato patrocinato dai sovrani che ne avevano controllato e condizionato lo sviluppo, assume, in Olanda per la prima volta, carattere imprenditoriale grazie all' intervento del capitale di alcune famiglie borghesi ed e' in questi anni che si assiste ad una vera e propria svolta nella concezione del libro, che pur essendo ancora considerato un oggetto di alto valore culturale, acquista una connotazione nuova, diremmo rivoluzionaria per l'epoca, e' concepito anche come prodotto commerciale e che quindi, come tale, deve soddisfare alcuni importanti requisiti, fra i quali: essere pratico, maneggevole e di prezzo conveniente.

Vengono prodotti formati ridotti questo ad indicare che l'intento e' quello di rivolgersi ad un pubblico piu' vasto, i libri non erano pi¨ solo oggetti delicati da custodire tra le mura di una biblioteca a disposizione solo di un ristretto numero di persone.

Appartiene inoltre, ai primi del '600 il fenomeno della diffusione in vari stati europei delle prime gazzette, vere e proprie antenate dei nostri quotidiani, che compariranno invece solo all'inizio del '700, esse che sostituirono gli avvisi e i fogli di notizie manoscritti, cambiano radicalmente il mondo dell'informazione, grazie ad esse le notizie assumono regolaritÓ' e funzione sociale, inoltre non si rivolgono solo ad un pubblico di eruditi, ma a lettori che vogliano tenersi aggiornati sui temi culturali dell'epoca. Per questo si pu˛ dire, quindi che il compito dell'editore vada ben oltre la sua dimensione imprenditoriale, egli svolge un'attivitÓ culturale e rendendo la cultura di pi¨ facile accesso per tutti, assolve anche ad un importante compito sociale.

Anche se la scoperta di Gutenberg fu, sicuramente, un evento rivoluzionario, nei secoli successivi nuove e sempre pi¨ moderne tecnologie verranno introdotte che introdurranno nuove figure professionali e che contribuiranno a far si che il settore editoriale raggiunga livelli produttivi e qualitativi sempre pi¨ alti. Nel 1886 arriva la linotype, era una macchina compositrice fatta come una gigantesca macchina da scrivere, la quale era collegata ad un forno dove veniva fuso il piombo che formava un'intera riga di testo.

Poco dopo arriva la monotype, sempre una macchina compositrice, dove pero', invece di comporre un'intera riga, ogni lettera viene fusa singolarmente. In seguito sarÓ introdotto l'offset e la rotativa, grazie ai quali i riuscivano a stampare in pochissimo tempo un migliaio di copie. Ma solo con l' avvento dei computer, dei programmi di videoscrittura e in seguito del computer portatile e degli scanner, che si apre una nuova era; l'innovazione tecnologica che rivoluziona completamente il modo di fare editoria, che cambierÓ non solo il modo di stampare e produrre libri e giornali, ma anche il modo di scriverli. 

 

Eva Calvani

 


 

Home pageCopyright 2000/2015 ę - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Testata giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registr. n. 5141-Provv.del 27-06-2000.

Editore: associazione culturale no-profit "Confgiovani"- Iscr. ROC n.19181. Direttore Resp. Dott.Massimiliano Giovine - giornalista (Tes. Prof. n.120448, giÓ n.84715).

Direzione, Redazione: via D. De Dominicis, 20 c/o Giovine-cap. 80128 Napoli. E' vietata la riproduzione o trasmissione anche parziale, in qualsiasi forma, di testi, immagini, loghi ed ogni altra parte contenuta in questo sito web senza autorizzazione.

La Redazione non Ŕ responsabile di eventuali errori imputabili a terzi, nŔ del contenuto delle inserzioni riservandosene, pertanto, la pubblicazione.

Nomi e numeri sono citati a puro titolo informativo, per offrire un servizio al lettore. ProprietÓ artistica e letteraria riservata ę. Vedi gerenza e note legali/tecniche.

|Anno XIV num.4 - Lug./Ago. 2015| - Per informazioni e-mail: redazione1@spaziomotori.it

Sito web ottimizzato per "Firefox", Internet "Explorer 5.0" o superiore - Risoluzione schermo consigliata: 1024 x 768 pixel - >>Privacy/Cookie<<