Navigando su questo sito web si accettano i cookie utilizzati per fornire i Nostri servizi. Per maggiori informazioni leggere l'informativa sui cookie

SPAZIO MOTORI HOME PAGE- Testata giornalistica telematica autorizzata dal Tribunale di Napoli con n.5141-Dir. Resp. Dott.Massimiliano Giovine     Il primo periodico telematico di informazioni ed inserzioni auto,moto,nautica,trasporti,viabilità,ambiente,sicurezza stradale,ecc.Testata Giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registraz.n.5141-Provv.del 27/6/2000-Direttore Responsabile Dott.Massimiliano Giovine - © Tutti i diritti riservati

|HOME|

|Presentazione|

|Note/GeRENZA| Cookie |

|Lettere|

|Spazio Motori "Ambiente"|

|Inserzioni gratis|

|Links auto|

|Links moto|

|Links utili|

|Assicuraz. web|

AnnoXVI num. 2
Mar./Apr. 2017

|C E R C A|

 

ARTICOLI di questo numero

 

SEGNALAZIONI LE SEGNALAZIONI DEI LETTORI. Scrivi anche Tu!

 
Pillole/News
 
Rubrica "Spazio AMBIENTE"
 
ARCHIVIO articoli
Scrivi a:redazione1@spaziomotori.it

 

Scrivici

Torna alla Home page

 | Gerenza |

News - brevi in pillole:  |Pag. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6| 

 

GRANDI NOVITA' AL CODICE DELLA STRADA 2017. Sospensione immediata della patente fino a 3 mesi, decurtazione di 5 punti e multe fino a 1.294€. Questa la pena per chi viene sorpreso la prima volta alla guida con lo smartphone, e la seconda volta è ancora peggio; in tal caso la sospensione va dai 2 ai 6 mesi, 10 punti e multe fino a 2.588€. Lo stabilisce l’emendamento approvato recentemente dal Presidente della Commissione Trasporti della Camera, Michele Meta, al disegno di legge sulle modifiche dell’articolo 173 del codice della strada, inerente appunto la distrazione alla guida e l’utilizzo di dispositivi elettronici al vaglio della Commissione. Ciò significa che l’emendamento in questione non è ancora legge, ma è stato integrato nel suddetto disegno di legge che nell’interesse di tutti si spera divenga effettivo in tempi brevi.

Ricapitolando, appena il disegno di legge verrà approvato in caso il conducente venga colto con lo smartphone alla guida sono previste le seguenti sanzioni: Prima infrazione: sospensione patente da 1 a 3 mesi | 5 punti | Multa da 322€ a 1.294€. Seconda infrazione: sospensione patente da 2 a 6 mesi | 10 punti | Multa da 644€ a 2.588€. Qualcuno già si augura che alla terza infrazione ci sia il ritiro della patente a Vita.


RITORNA LO STORICO APPUNTAMENTO ITALIANO CON AUTO E MOTO: IL MOTORSHOW DI BOLOGNA!

Si rinnova anche quest'anno il consueto appuntamento per tutti gli appassionati di motori. Le novità ed i test drive di automobili, motocicli, prove su strada, interviste, espositori, convegni, piloti, tecnologia, etc. Segui tutti gli eventi direttamente! http://www.motorshow.it/it/


VIDEO DI AUTOMOBILISTI: Chiunque, da quando sul web ha fatto la sua comparsa YouTube, ha perso ore e ore davanti a video che raccontavano di situazioni comiche del vicino di casa o dei nostri amici “a due” o quattro zampe. Ci sono video che sono diventati veri e propri tormentoni della rete, conosciuti da tutti. E tra situazioni comiche o imbarazzanti, tra matrimoni, serate di gala e vacanze tra amici, indimenticabili sono anche i video dei nostri cari anziani, impacciati tra il moderno caos cittadino o, tanto per usare un cliché, la bella ragazza che non riesce a parcheggiare in un parcheggio pubblico…vuoto.

Per una divertente carrellata di video dei peggiori automobilisti, seguite il link, e buona visione!


CHIARIMENTI SU PNEUMATICI INVERNALI: Negli ultimi anni il Ministero dei Trasporti ha emanato una serie di provvedimenti finalizzati a migliorare la sicurezza stradale, la circolazione e la mobilità durante la stagione invernale. Tali provvedimenti hanno avuto un diretto impatto sul settore dei pneumatici ed in particolare su quelli di tipo invernale.

Il 17 gennaio 2014 il Ministero ha diffuso la circolare prot. n. 1049 riguardante l’impiego dei pneumatici invernali.

Questo precisazione si è  resa necessaria a seguito della direttiva ministeriale emanata lo scorso 16 gennaio 2013 che aveva finalmente introdotto una disciplina omogenea delle Ordinanze durante tutta la stagione invernale.

Infatti, a fronte di un periodo minimo di vigenza delle Ordinanze compreso tra il 15 novembre ed il 15 aprile erano sorti problemi interpretativi sulla possibilità di circolare con pneumatici di tipo M+S, con indici di velocità inferiori a quelli riportati in carta di circolazione, così come previsto e consentito dalla circolare 104/95. Peraltro si erano verificati casi di vetture respinte in fase di revisione perché equipaggiate, nei mesi caldi, con pneumatici di tipo M+S ed anche alcune Compagnie di noleggio invitavano i loro clienti a montare pneumatici M+S solo a ridosso dell’entrata in vigore delle Ordinanze. Tutto ciò creando disagi agli automobilisti ed una congestione sul punto vendita.

La nuova circolare, confermando l’impianto normativo esistente, prevede un periodo temporale aggiuntivo di un mese, sia all’inizio che al termine della vigenza delle Ordinanze, ovverosia dal 15 ottobre al 15 maggio, così da consentire ai veicoli equipaggiati con pneumatici di tipo M+S  con codice di velocità inferiori a quelli riportati in carta di circolazione, di poter effettuare per tempo le operazioni di sostituzione senza incorrere in infrazioni al codice della strada.

Nell’intento di fornire un contributo alla corretta interpretazione della circolare in parola, il Gruppo Produttori Pneumatici di Assogomma, ha predisposto l’allegata nota che riporta alcuni possibili quanto ricorrenti quesiti e le relative risposte.

“E’ un importante chiarimento che consentirà di favorire il ricambio stagionale dei pneumatici venendo incontro alle esigenze degli automobilisti e della rivendita che avranno due mesi aggiuntivi per poter effettuare tale operazione” – commenta il Direttore di Assogomma Fabio Bertolotti. “Questa nuova circolare ribadisce che il periodo di vigenza minimo delle Ordinanze invernali è compreso tra il 15 novembre e il 15 aprile stabilendo che dal 16 maggio non è più consentito viaggiare con pneumatici di tipo M+S e/o invernali non conformi alla carta di circolazione. Pertanto un invito ad utilizzare pneumatici con caratteristiche di serie adatti al periodo stagionale: invernali in inverno ed estivi in estate.”

 

9 MILIONI E 200.000 EURO PER UNA FERRARI ALL'ASTA: venduta all'asta per l'incredibile cifra di 9.200.000 di euro una rara Ferrari 340/375 MM Berlinetta che nel 1953 ha corso la 24 Ore di Le Mans. L'asta, secondo il programma RM Auctions, ha avuto luogo in concomitanza con il recente Concorso d'Eleganza a Villa d'Este.
Nonostante le auto partecipanti fossero tutte di altissimo valore, tra cui alcune Ferrari GTO 288, F40, F50, Enzo e la macchina da corsa 599 XX, il pezzo forte e' stata sicuramente la Berlinetta Ferrari 340/375 MM del 1953. Il realta' la RM Auctions stimava di vendere la vettura a circa la meta' del prezzo realizzato, ma la vettura e' stata oggetto di un confronto serrato tra tre contendenti molto ricchi. La competizione all'ultima battuta ha portato a raddoppiare il prezzo previsto negli ultimi 20 minuti dell'asta. Non e' possibile conoscere i nomi dei contendenti ma sembra che ad aggiudicarsi la preziosa Ferrari sia un signore britannico gia' collezionista di preziose Ferrari, tra cui la leggendaria e rarissima GTO. La Ferrari 340/375 MM Berlinetta venduta all'asta e' equipaggiata con un motore 4,5 litri V-12 da circa 340 cavalli, abbinato ad un cambio manuale anteriore a quattro marce. Il telaio e' in acciaio tubolare, mentre il design della carrozzeria e' di Pininfarina. La vettura e' stata una delle tre 375 MM da competizione iscritte a Le Mans nel 1953, e ha anche corso le gare di Spa, Pescara e la Carrera Panamericana dello stesso anno. Nel 1953 Mike Hawthorn e Nino Farina l'anno pilotata a Le Mans con il numero 14. Dopo 12 giri era al secondo posto, prima di essere squalificata, per l'aggiunta del liquido freni durante una sosta tecnica. Il regolamento del tempo proibiva infatti l'aggiunta di qualsiasi fluido prima del 28 giro. Un anno dopo fu venduta alla Luigi Chinetti Motors e esportata negli Stati Uniti. Nel corso degli anni e' stata comprata e venduta piu' volte, fino all'acquisto da parte dell'ultimo proprietario nel 2006. Lo stesso proprietario ha scelto di riportare la Ferrari alla sua livrea originale del 1953.

 

Green'UP: colonnine di ricarica per veicoli elettrici installate presso la Provincia di VareSE

Due colonnine di ricarica per veicoli elettrici BTicino sono state installate nei giorni scorsi presso sedi della Provincia di Varese in particolare presso la sede dell’Agenzia del Turismo e presso la sede principale di Villa Recalcati.

BTicino si presenta su questo mercato con le colonnine di ricarica « Green’ Up », una linea che si inserisce tra le sue soluzioni per l’Efficienza Energetica.

Per fare fronte alle profonde mutazioni che si disegnano nel settore dei trasporti e rispondere alle attese del pubblico, BTicino – specialista delle infrastrutture elettriche e digitali dell’edificio - ha progettato «Green’ Up», una linea di colonnine di ricarica ideale per le abitazioni individuali, per i parcheggi aziendali, per gli spazi privati come per quelli pubblici. Questa nuova offerta si inserisce organicamente nel suo programma di soluzioni sostenibili, che pone l’Efficienza Energetica al centro del suo modello di sviluppo.

Riflesso della consolidata cultura tecnologica di BTicino, « Green’ Up » riunisce innovazione estetica e rispetto per l’ambiente. Consentirà ai consumatori di ricaricare i veicoli elettrici o ibridi ricaricabili in sicurezza a casa propria, secondo i propri piani tariffari, o permetterà al cliente di pagare i consumi effettuati presso i parcheggi pubblici o i centri commerciali.

La colonnina di ricarica, dal design innovativo si può integrare con reti di supervisione sia aziendali (Modbus) che residenziali (domotiche) consentendo di verificare lo stato e la carica del veicolo collegato.

Green’ Up: come funziona ?

Quali le novità rispetto ad una stazione di rifornimento classica?

BTicino vuole portare un valore aggiunto all’utilizzatore attraverso le soluzioni più innovative. La differenza tra un distributore di una stazione di rifornimento tradizionale o un parchimetro è molto evidente grazie all’utilizzo di tecnologie di illuminazione a LED, e di un sistema di erogazione intuitivo e digitale.

Quali elementi di sicurezza per l’utilizzatore durante la ricarica?

La ricarica tramite una colonnina Green’ Up garantisce una sicurezza assoluta. BTicino, tramite il gruppo Legrand, fa parte dei membri fondatori dell’EV Plug Alliance, un’associazione di produttori europei che si è data per missione la promozione di un marchio che garantisca la conformità con lo standard Mode 3, tipe 3 dell’IEC - International Electrotechnical Commission. La presa offre quindi le più elevate garanzie di sicurezza grazie ad otturatori che impediscono qualsiasi contatto accidentale del cliente utilizzatore con gli elementi sotto tensione.

 

RED BULL LINGOTTO SPECIAL: protagoniste all’ex stabilimento Fiat di Torino il 25 settembre oltre 150 Vespa e Lambretta, impegnate in una divertente competizione di creatività e regolarità, costituita da tre sfide: preparazione del mezzo, test di regolarità sulle celebri rampe a spirale del Lingotto e prova finale sull'impegnativo circuito sul tetto.
Special guest della giornata l’attore Flavio Montrucchio, torinese doc e grande appassionato di motori, che ha dato il via ufficiale alla gara finale su una Vespa, seguito dal rombante corteo dei concorrenti.
Al termine della competizione, sul gradino più alto del podio è salito Giacomo Tiberti, seguito da una delle poche rappresentanti del gentil sesso in gara, Maddalena Saetta, e da Francesco Ceo.
Il premio speciale "Italian style" per la creatività e lo stile è andato invece a Andrea Revel, che ha gareggiato con una Vespa multicolor e un particolare look anni '60.
Per effettuare il download basta andare sul sito www.redbullcontentpool.com  (previa semplice registrazione).
 

I PEDONI TEMONO MOTO E SCOOTER. MA ATTENZIONE ANCHE AGLI SMS MENTRE SI CAMMINA: le due ruote impauriscono i pedoni italiani. Da una ricerca commissionata da Direct Line, la compagnia di assicurazioni online, quasi il 60% degli intervistati ha infatti ammesso di prestare maggior attenzione ai movimenti di scooter, moto e motorini mentre camminano per le strade delle loro città. Roma è la città dove i pedoni hanno più paura (92,8%) seguita da Palermo (79,5%) e Firenze (48,3%).

In effetti i motocicli nel Lazio sono aumentati considerevolmente negli ultimi dieci anni: se nel 1990 Aci ne contava più di 170mila, nel 2009 ne registrava ben 661mila. Anche in Sicilia è più che quadruplicato in soli dieci anni il numero di motocicli.

Ciò che mette d’accordo tutti, nord e sud, uomini e donne, è certamente la motivazione che spinge i pedoni ad aver paura delle due ruote: il 54,2 % degli intervistati, infatti, rileva che chi guida questi veicoli spesso fa lo slalom tra le macchine, diventando quindi imprevedibile e rischioso per chi sta invece camminando. Insomma pare che la passeggiata tra i marciapiedi della propria città sia giudicata sempre più difficile, in particolare per le donne, più timorose rispetto agli uomini (70,7% contro il 49,1%).

Riflessioni certamente vere, anche se i pedoni, dal canto loro, dovrebbero fare più attenzione mentre camminano per strada anche ai propri di comportamenti. Secondo una recente ricerca condotta da Joanna Lumdsen della Aston University, infatti, ogni giorno milioni di pedoni mettono a rischio la propria vita per mandare sms con i loro telefonini mentre camminano per strada. Si stima che a Londra addirittura due pedoni adolescenti vengano feriti ogni giorno proprio a causa degli sms.

 

RIDURRE LE SPECULAZIONI SUI PREZZI DELLA BENZINA: il decreto ministeriale sui carburanti alla firma del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, contiene alcune misure sollecitate dalle Associazioni dei Consumatori per mettere un freno alle consuete speculazioni sui tempi di adeguamento del prezzo alla pompa (immediato quando sale e in ritardo quando scende): la decisione cioè che i prezzi rimangano inalterati almeno per una settimana.

Un provvedimento proposto e sostenuto da Adiconsum perché consente di ridurre gli aspetti speculativi.

Nel provvedimento dovrebbero esserci anche misure che eliminano i lacci e lacciuoli che a livello delle regioni ostacolano lo sviluppo della distribuzione in competizione con le compagnie petrolifere (GDO che pompe bianche), l’ampliamento degli orari, la vendita dei prodotti non oil. Un insieme di provvedimenti che possono consentire di abbattere di 4-5 cent il prezzo dei carburanti e sviluppare una maggiore concorrenza.

Fondamentale per i consumatori è anche conoscere in modo semplice il distributore più conveniente dove fare il pieno. A questo proposito Adiconsum ha lanciato il servizio completamente gratuito per il consumatore denominato PrezziBenzina.it, disponibile sia sui telefonini iphone scaricando gratis l’applicazione Prezzibenzina.it dall’App Store di Apple, sia tramite il sito www.prezzibenzina.it 

 

ASSICURAZIONI RC: OCCORRE AGENZIA ANTIFRODE: non solo nei fatti e nelle osservazioni di tutti i giorni, nelle lamentele di tanti e tanti assicurati che non trovano più con chi assicurarsi, nelle tariffe che spesso superano i 2500 euro o che per un neopatentato sfiorano 8500 euro.
Adesso ci sono documenti ufficiali di imprese che sistematicamente e con indifferenza sociale adottano sistemi di disdetta di massa su intere regioni.
Il sistema adottato è semplice: si disdetta una polizza ed alla richiesta di rinnovo si chiede il doppio, e se non basta, il triplo, scoraggiando l'acquisto dell’Rc auto da parte dell'ex assicurato.
Tale comportamento deve essere configurato nello stesso reato che viene contestato al cittadino quando specula su un sinistro: frode. A questi comportamenti deve seguire la sospensione dell'autorizzazione ad esercitare il ramo RC Auto in tutta Italia.
Adiconsum chiede il sostegno dell’Isvap nel chiedere al legislatore un provvedimento urgente che argini la fuga dal Sud delle compagnie assicurative, riportando sotto controllo il servizio e l'efficienza anche in quelle regioni, supportando gli operatori agli sportelli con strumenti idonei, come l'Agenzia Antifrode in approvazione in Parlamento.

 

BOOM DI AUTO ELETTRICHE VENDUTE NEL MONDO NEL 2010: E' un vero e proprio boom quello delle auto elettriche nel mondo: secondo un rapporto stilato dal centro studi britannico J.D. Power quest'anno si sfiorerà il milione di esemplari venduti, ed entro il 2015 si arriverà a tre milioni di auto verdi comprate in tutto il pianeta. I numeri forniti dalla compagnia parlano di una previsione di 940mila auto elettriche vendute nel 2010, con un balzo in avanti rispetto alle 732mila dello scorso anno. A fare la parte del leone sono le automobili ibride, il 98% del mercato, anche perché non necessitano di stop per essere ricaricate. Questo tipo di modelli continuerà a piacere molto agli Usa, che nel 2015 dovrebbero assorbire il 55% del mercato, ma anche all'Asia, con il solo Giappone che dovrebbe arrivare in 5 anni a un quarto del mercato. Per quanto riguarda le auto totalmente elettriche, per quest'anno se ne dovrebbero vendere appena 23mila nel mondo, ma il rapporto prevede un'espansione fino a 500mila fra 5 anni.

 

LE AUTO PIU' VECCHIOTTE CIRCOLANO AL SUD: Tra tutte le regioni Italiane è l'Emilia Romagna quella dove circolano più auto nuove, mentre i 'macinini vecchi' sono soprattutto in Basilicata. Il Molise è particolarmente propenso ad acquistare auto Italiane'. Sono i dati che emergono da una ricerca Europ Assistance-Swg che prende in considerazione "l'indice di vetustà" delle auto italiane e "l'indice di propensione all'auto italiana nelle varie regioni del nostro Paese.

Nella classifica del parco circolante più aggiornato, fatta salva una media italiana a 100 punti, l'Emilia Romagna è appunto in testa, con 117 punti, seguita da Lazio (112) e Umbria (108). La Basilicata, invece, è ultima con 69 punti; ma sono anche 'bocciate' Calabria (89), Campania (87) e Puglia (82) dove, peraltro, l'auto vecchia significa anche maggiore inquinamento. Sardegna e Trentino Alto Adige - sottolinea la ricerca - seppure geograficamente e culturalmente territori molto lontani - si trovano, in questa particolare classifica, abbastanza vicine. La prima leggermente sopra la media italiana (102 punti), la seconda poco sotto (97). La ricerca evidenzia anche la "propensione all'acquisto o al desiderio di un'auto made in Italy". In questo campo, il Molise primeggia con 135 punti, seguito da Basilicata e Piemonte-Valle d'Aosta. Friuli Venezia Giulia e Lombardia, in coda, sono invece le regioni più 'esterofile'. In campo 'neutro', a metà classifica, troviamo umbri, marchigiani e gli abitanti del Trentino Alto Adige. 

 

49° EDIZIONE SALONE NAUTICO DI GENOVA: Sono 1.450 gli espositori presenti alla 49/ma edizione del Salone nautico internazionale di Genova. Il 37% di questi sono internazionali. Le barche esposte, dal piu' piccolo natante ai superyacht, sono 2.400: oltre la metà (55,6%) sono imbarcazioni fino a 10 metri, il 37,5% da 10 a 24 metri; 76 invece sono le navi da diporto (sopra i 24 metri), 31 quelle sopra i 30 metri.
Le barche a vela sono 160, le imbarcazioni pneumatiche sono 500. Gli espositori del Tech Trade, il settore dedicato ai componenti e all'accessoristica, nel padiglione C, sono 600.
Con quattro padiglioni, due grandi marine e grandi spazi all'aperto, il Salone nautico internazionale supera i trecentomila metri quadrati di superficie e mette in esposizione 550 barche in acqua grazie ai 110 mila metri quadrati di specchio acqueo e nove chilometri di percorsi sul mare.
Orari di apertura dalle 10 alle 18.30.
Costo del biglietto 15 euro (12 il ridotto).

 

SMS AL VOLANTE PIU' PERICOLOSO DI UNO SPINELLO: Utilizzare gli SMS mentre si è al volante é più pericoloso che guidare dopo aver fumato uno spinello o aver bevuto troppo. Il dato viene fuori da uno studio pubblicato dall'autorevole Ward's Auto, secondo cui il tempo di reazione di chi guida aumenta addirittura del 35% quando si sta inviando un Sms, peggio dell'effetto che comporta l'abuso di alcool (+12%) e perfino peggio di ciò che provoca l'uso di Cannabis (+24%).
Problemi simili, secondo gli esperti americani che si occupano della sicurezza nella circolazione, quando si cerca sul menù di un lettore come l'iPod o quando si usano altri dispositivi elettronici al volante, quali i sistemi multimediali 'on board' o i navigatori satellitari. A riprova di ciò è visibile su YouTube un 'video-choc', realizzato in Inghilterra dalla Polizia per essere diffuso nelle scuole che evidenzia, inequivocabilmente, la leggerezza con cui si utilizza il cellulare mentre si guida un'auto e la spietata concretezza dei rischi, spesso mortali, che ne derivano. La situazione è così grave che il Dipartimento dei Trasporti Usa ha deciso di riunirsi in settembre in seduta straordinaria con le Case automobilistiche e altri soggetti istituzionali. L'opinione pubblica americana è infatti ancora sotto shock dopo alcuni gravissimi incidenti verificatisi negli ultimi mesi negli Stati Uniti ed è preoccupata per le accuse rivolte dal Center for Auto Safety (Cas) circa una presunta negligenza da parte della National Highway Traffic Safety Administration che, secondo la CAS, avrebbe taciuto sulla reale consistenza del rischio derivante dalla presenza nelle auto di complessi sistemi multimediali. Un dato, su tutti, mette in guardia sulla pericolosità dell'uso dei telefonini in auto: secondo uno studio del Virginia Tech Transportation Institute realizzato negli Usa con riprese tv a bordo di veicoli da trasporto, per un totale di 6 milioni di miglia percorse, la scrittura dei messaggini sul cellulare moltiplica per 23 il rischio di avere un incidente, mentre il solo utilizzo in voce del telefonino comporta un fattore di rischio pari a 6.

 

TOYOTA: BRAND VINCENTE: Con un valore di marca pari a oltre 29,9 miliardi di dollari Toyota si conferma regina della classifica BRANDZ™ TOP 100 nella classe automotive.
Milano, 22 giugno 2009 – Sono ben sei i brand del settore automotive presenti nella quarta edizione della BRANDZ™ Top 100 Powerful Brands, la classifica annuale che misura il valore economico dei principali marchi mondiali realizzata da Millward Brown Optimor, la società del gruppo WPP specializzata in finanza e ROI, in collaborazione con il Financial Times.
Toyota si riconferma regina del ranking del settore grazie a un valore di marca di circa 29,9 miliardi di dollari (14° posto nella classifica generale): un risultato positivo anche se il brand della casa giapponese ha perso il 15% del suo valore rispetto all’anno precedente. Come lo scorso anno seguono BMW (18° posto), Porsche (35° posto), Mercedes (40° posto), Honda (50° posto) e Nissan (67° posto).
Il valore dei singoli brand è generalmente in calo rispetto a quelli all’anno precedente a causa della delicata congiuntura economica che ha influito sull’Automotive in misura maggiore rispetto ad altri settori
 


 

|Pag. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6| Torna suTorna su

 

 

 

 


Home pageCopyright 2000/2017 © - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Testata giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registr. n. 5141-Provv.del 27-06-2000.

Editore: associazione culturale no-profit "Confgiovani"- Iscr. ROC n.19181. Direttore Resp. Dott.Massimiliano Giovine - giornalista (Tes. Prof. n.120448, già n.84715).

Direzione, Redazione: via D. De Dominicis, 20 c/o Giovine-cap. 80128 Napoli. E' vietata la riproduzione o trasmissione anche parziale, in qualsiasi forma, di testi, immagini, loghi ed ogni altra parte contenuta in questo sito web senza autorizzazione.

La Redazione non è responsabile di eventuali errori imputabili a terzi, nè del contenuto delle inserzioni riservandosene, pertanto, la pubblicazione.

Nomi e numeri sono citati a puro titolo informativo, per offrire un servizio al lettore. Proprietà artistica e letteraria riservata ©. Vedi gerenza e note legali/tecniche.

|Anno XVI num. 2 - Mar./Apr. 2017| - Per informazioni e contatti e-mail: redazione1@spaziomotori.it

Sito web ottimizzato per "Firefox", Internet "Explorer 5.0" o superiore - Risoluzione schermo consigliata: 1024 x 768 pixel - >>Privacy/Cookie<<