Navigando su questo sito web si accettano i cookie utilizzati per fornire i Nostri servizi. Per maggiori informazioni leggere l'informativa sui cookie

SPAZIO MOTORI HOME PAGE- Testata giornalistica telematica autorizzata dal Tribunale di Napoli con n.5141-Dir. Resp. Dott.Massimiliano Giovine     Il primo periodico telematico di informazioni ed inserzioni auto,moto,nautica,trasporti,viabilità,ambiente,sicurezza stradale,ecc.Testata Giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registraz.n.5141-Provv.del 27/6/2000-Direttore Responsabile Dott.Massimiliano Giovine - © Tutti i diritti riservati

|HOME|

|Presentazione|

|Note/GeRENZA| Cookie |

|Lettere|

|Spazio Motori "Ambiente"|

|Inserzioni gratis|

|Links auto|

|Links moto|

|Links utili|

|Assicuraz. web|

AnnoXVI num. 2
Mar./Apr. 2017

|C E R C A|

 

ARTICOLI di questo numero

 

SEGNALAZIONI LE SEGNALAZIONI DEI LETTORI. Scrivi anche Tu!

 
Pillole/News
 
Rubrica "Spazio AMBIENTE"
 
ARCHIVIO articoli
Scrivi a:redazione1@spaziomotori.it

 

Scrivici

Torna alla Home page

 | Gerenza |

Le Vostre lettere: Pag. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9

Comunicateci lamentele, disservizi, ingiustizie riguardanti la Vostra auto, moto o imbarcazione. Ma anche apprezzamenti o consigli utili (non oltre 30 righe). Scrivete a: redazione1@spaziomotori.it  cercando di essere sintetici ed aggiungendo nome, cognome, città e recapiti. Le lettere più interessanti saranno pubblicate.

Gli autori sono responsabili di quanto scritto. Grazie. (Privacy). Chi ha bisogno di una consulenza Legale specialistica CONVENZIONATA, da parte di Avvocati esperti del settore che lavorano in convenzione con Noi, è pregato di scrivere qui: consulenza legale . Vedi RUBRICA  


LAND ROVER: GRAVE RISCHIO NELL'USO DEL CRICK

Ringrazio per l'oppurtunità di esprimere il mio rammarico per il comportamento tenuto da Land Rover Italia per quanto accadutomi nel mese di ottobre di questo anno (2012). Premetto che la mia preparazione tecnica è di alto livello e di conseguenza la mia conoscenza è allargata anche al campo metallurgico, comunque quanto accaduto è questo :

Decido di fare smontare una gomma dell'auto, da un mio Dipendente e per evitare problemi gli do io precise indicazioni di come farlo correttamente e assisto con attenzione continua a tutta l'operazione. Viene bloccata l'auto con le tacche in dotazione e come di abitudine solo dopo avere inserito freno di stazionamento con cambio in parking, insomma tutte le precauzioni del caso.

Procedendo quindi all'allentamento a terra delle viti ruota faccio procedere , dando ordine di posizionare il crick in dotazione , nella posizione inequivocabile data la presenza di un perno in acciaio come riferimento che inevitabilmente si inserisce nel foro predisposto del telaio dell'auto . Dò quindi istruzioni per cominciare a sollevare il mezzo lentamente per assicurarmi personalmente che l'accoppiamento e l'assetto del crick fossero perfetti e piano piano l'incaricato procede al sollevamento . Tendenzialmente, si sà, in queste operazioni si tende a posizionarsi in modo comodo per lavorare bene perchè devi sostenere peso e fare posizionamenti con inevitabili punti di appoggio. Succede perciò che sei portato ad avere mani e gambe esposte alla gravità dell'auto.

Chiaramente la mia raccomandazione è stata di non fare nulla di ciò e facendogli spostare le mani e le gambe e anche la testa, si è evitato il peggio, perchè improvvisamente la vite del crick a compasso ha strappato sulla chiocciola e la macchina è ricaduta sulla ruota. C'è da considerare che la vettura è recentissima e il crick era la prima volta che veniva usato. Devo inoltre segnalare che passati alcuni giorni , ho ripetuto personalmente l'operazione utilizzando un crick idraulico a bottiglia e meraviglie delle meraviglie , stringendo i bulloni a fine operazione mi si è strappata tra le mani la chiave in dotazione per svitare i bulloni ruota !!

Questa ultima vicenda non la troverete nella lettera nella e-mail certificata che ho scritto subito dopo al primo avvenimento, perchè preoccupato di quanto accaduto ho pensato di informare immediatamente la Land Rover della gravità del problema e sperare che altri non avessero da correre il rischio. Non solo la risposta ha tardato giorni, ma è stata quella che allego. Mi raccomando a chi leggerà queste righe, di fare il possibile per divulgare a chi di dovere quanto a me accaduto. Preciso che ho conservato sia il crick che la chiave per future perizie.

Cordiali saluti
Claudio Cocchi - C.A.B. S.A.S. DI COCCHI CLAUDIO & C. - 40057 Cadriano di Granarolo Emilia (Bo) - Tel. 0039 051 766163 - E mail: info@cabgroup.com


DELUSO DA UNA BMW X3

Deludente BMW X3 acquistata nuova a febbraio 2012 con 9000 km, già portata per 2 volte dal concessionario con problemi ABS freni stazionamento e segnalazione di andare a velocità ridotta in officina BMW più vicina, ma dopo aver lasciato la vettura per due giorni a loro disposizione mi sento rispondere che è un contatto solo che successivamente il problema si è ripresentato altre due volte e non ancora risolto. Sarà un problema del concessionario,o della New x3, sta' di fatto che ancora non mi hanno fatto una dichiarazione scritta che tutto è ok. Sicuramente basta BMW alla quarta
Aldo - E mail: pincellialdo@yahoo.it


HUNDAY ACCENT CON IMPROVVISO PROBLEMA A SERVOSTERZO E SERVOFRENO

Salve vi scrivo perchè da qualche tempo, circa 3 mesi ho un grave problema sulla Hyundai Accent  benzina del 2007 di mio padre; succede che durante la marcia e senza nessun preavviso si accende sul cruscotto la spia EPS (electronic power steering) e smette di funzionare servo sterzo e servofreno.
Quindi tocca fermarsi, spegnere la macchia, aspettare 2/3 minuti al quel punto la spia si spegne e si può ripartire. Ma immaginare quanto sia spiacevole quando magari si stà affrontando una curva è si indurisce di colpo il volante....Ho scritto per l'inconveniente alla Hyundai circa 10 gg fa ma ancora sono in attesa di risposta. Spero che non debba succedere prima un incidente grave per attirare l'attenzione di qualcuno su un problema che ahi me hanno tutti i possessori di questo tipo di vettura. Inoltre volevo segnalare che la Hyundai non ha mai attivato una campagna di richiamo per questo problema, che da quello che si legge in rete è diffusissimo.
Vi ringrazio per il vostro interesse,sperando che qualcuno possa aiutarci a risolvere questo grave problema.
Angelo Castaldo - E mail: Angeloc75@libero.it


JAGUAR XF CON GRAVI PROBLEMI AL MOTORE

Gentile Redazione, posseggo una Jaguar XF che ho acquistato di seconda mano all'epoca con Km 26.000 con ancora 2 anni e sei mesi di garanzia con scadenza 20 Ottobre 2011 ( la vettura era coperta da tre anni di garanzia oppure Km 100.000), per mia sfortuna a Km 59.000 il 26 agosto 2011 si ruppe non so se una biella o un pistone (nessuno me lo ha mai detto) e la casa madre dopo circa 2 mesi, mise a disposizione un motore nuovo, un altro mese per montarlo e siamo a fine novembre 2011 la garanzia nel frattempo era scaduta, mi viene consegnata la vettura e pago di rito i liquidi ecc ecc., la macchina continua ad andare male entro ed esco dall'assistenza Jauto Roma in via Baldovinetti  (che ha operato la sostituzione) la macchina va male perde nafta e non riescono a risolvere il problema, mi reco presso un altra assistenza Sea a via Flaminia e mi risolvono il problema nafta (ma nasce una discussione su chi paga, poi la Jaguar se ne fa carico ) ma il motore continua ad essere rumoroso ed allora la porto alla Roland in via del Tintoretto ad aprile 2012 (nel frattempo ho percorso con il nuovo motore km 10,700) perche' oltre che rumoroso mi sembra che vada a 5 cilindri, me la riconsegnano con lo stesso rumore e con l'impressione che vada 5 cilindri ma mi assicurano di no, mi dicono sia una aspirazione dell'condotto dell'aria al motore rovinata, il 25 giugno con Km 13.000  torno alla Roland di via del Tintoretto con il motore che batte in testa e va palesemente a 5 cilindri con una serie di altri rumoracci provenienti da dentro il motore stesso.

All'assistenza clienti mi dicono che la garanzia e' decaduta e vaglieranno se entrare in partecipazione economica per non scontentare il cliente, per inciso sono altri 8 giorni che sono senza auto e non si vede a breve una decisione dall' ufficio tecnico, ma per quanti giorni non ho potuto godere della macchina che ho comprato?

Cosa fare? Io credo che la mia Jaguar a dispetto del responso del loro computer (che non manifesta anomalie sulle centraline), invii dei segnali al motore con una mappatura distorta che avrebbe causato lo stesso danno ( il rumore e' lo stesso della prima rottura ).

Spero di essere stato chiaro nella ricostruzione. Vorrei citare in giudizio la Jaguar Italia, se ci fossero i termini, ovviamente per far rientrare il tutto in una loro responsabilita', non e' possibile che tali motori si possano rompere in maniera cosi' grave la prima volta dopo Km 59.000 e la seconda dopo Km 13.000 una macchina da € 55.000,00 , dimenticavo ho eseguito tutti i tagliandi a scadenza perfetta.

Distinti Saluti - Daniele Catelli  Tel/Mob 335 311830  daniele.catelli@yahoo.it


PROBLEMI CON UNA OPEL "MERIVA 1.6 AUTOMATICA A GPL"

Buongiorno, lo scrivente Vincenzo Piscicelli, diversamente abile automunito, curiosando qua e le su internet alla ricerca di nuove tecnologie e possibilità di migliormento in questo caso per alimentazione per autovetture benzina /gpl.
Attualmente possiedo una Opel Meriva del 2007 1.6 Automatica in quanto disabile trasformata a Gpl impianto Landi, da sempre mi ha presentato problemi sulla trasmissione automatica 3 volte sostituzione di frizione non ultima la sostituzione della centralina del cambio tutto considerando i fermi esagerati per l'autovettura senza risolvermene i problemi, i pochi chilometri percorsi e i costi di gestione.
Trovando solo come beneficio la soluzione migliore nonostante anche quest'ultimo subisce lievitazioni di costo al litro non indifferenti riducendo sempre più la percentuale di risparmio sul costo di gestione sia per la fornitura di carburante che per le varie registrazioni da apportare periodicamente, appunto una soluzione ad alimentazione Benzina/GPL trovando come unico problema se posso ritenerlo tale riscontrato da sempre senza ad oggi trovarne soluzione è il percepire odore di antigelo, e rumorosità, sbalzi leggieri quasi mancante di
fluidità continua
. Si dà per scontato che noi l'autovettura la utilizziamo di rado e quindi non ci si preoccupa di trovare soluzioni per una fluida guidabilità cercando di contenerne i costi, forse si pensa che la riduzione sull'aliquota iva e lo sconto a noi concesso dalle singole case dia diritto a crearci maggiori costi di gestione aggravandoli con costi per le opportune modifiche e manutenzioni esageratamente lunghe e costose non da poco sarebbe  trovare soluzioni che ci consentano di avere maggior spazio in abitacolo, sono un semplice impiegato non un direttore d'azienda.
Certo in un cortese riscontro sono ad augurare un buon proseguimento di giornata.
Vincenzo Piscicelli, tel. 345/9328072 - E mail: vincenzo_piscicelli@libero.it


FIAT "PANDA": LO STERZO SI BLOCCA ALL'IMPROVVISO!

Buonasera, mi sono resa conto oggi di questo difetto alla mia auto, Fiat Panda anno 2008, mentre guidavo si induriva lo sterzo e appariva la scritta blocco sterzo, in curva ho cercato di rallentare e con le doppie frecce mi sono fermata a lato della strada per non andare a sbattere, mi sono informata e vengo a sapere che è un difetto riscontrato in tante auto Fiat, ma come può essere vero ?
E la Fiat non risponde a questi problemi e difetti ? Non è possibile, !!!
Io che sono una sostenitrice del marchio Italiano, io che se devo comprare l'auto , preferisco una macchina italiana ad altre straniere, e cosa vengo a sapere, che la Fiat non prende in considerazione questo problema ? Grazie per la risposta.
Elisabetta. E mail: elisabetta.ceccanti@alice.it


IMPIANTO GPL DIFETTOSO AD UNA "HUNDAY TUCSON 2000"

Salve, vorrei delucidazioni se potete fornirmele, circa la decisione che dovrei prendere a proposito della mia macchina Hunday Tucson 2000 benzina con impianto gpl montato dalla casa, immatricolata giugno 2008. Dopo un pieno di gas, all'incirca trascorsi 15 mn, la macchina rallenta spontaneamente ed emette un rumoraccio; riesco ad arrivare al primo meccanico piu vicino a me, il quale dichiara  dopo qualche ora, che la macchina "va a due cilindri" (78000 km percorsi in 3 anni e mezzo, tagliandi tutti fatti presso l'officina autorizzata); il giorno dopo lo stesso meccanico mi avvisa che se voglio un lavoro fatto bene bisogna far cambiare tutte e 16 le valvole motore (mi parla di sinterizzazione delle valvole), con una spesa che si aggirerebbe sui 1600 euro, spesa comprensiva di cambio cinghia di distribuzione (già che ci siamo...), oltre che di manodopera e di registrazione valvole. La domanda che mi sorge spontanea è : perchè la hunday monta un impianto gpl su un motore a valvole non sinterizzate? Ed inoltre, come mai nè il libretto che accompagna la macchina, ne' attraverso i tagliandi fatti o da fare, emerge l'importanza  della registrazione delle valvole? Perchè tanti pareri discordanti? Qualche meccanico dice che la registrazione va fatta solo se serve, la conc. Hunday dice che va fatta sempre (quindi alla mia macchina, loro, proprio loro l'avranno fatta sempre o almeno una volta?) chi dice non si può fare piu di 5 volte...insomma  perche' mi devo  inventare io la risposta esatta? Ma soprattutto mi devo accollare io questa spesa? Ci sono dei responsabili?
Aggiungo che sono fuori garanzia dal mese di giugno e che la Hunday officina autorizzata (Civitavecchia) ove mi recavo per i primi tagliandi ha chiuso definitivamente. Cosa devo fare adesso? Grazie in anticipo!

Irene Gagliardi cell. 3491242694 - E mail: irene_gagliardi@yahoo.it


OPEL "ZAFIRA 1.9 DCTI": ALIMENTATORE DI NUOVO ROTTO E STERZO BLOCCATO

Buonasera, ho acquistato nel 2007 un Opel Zafira 1.9 DCTI  presso un concessionario OPEL. Ho eseguito ogni anno il tagliando presso il Centro Assistenza di Via Ostiense, Roma.  Auto perfetta e come ho detto prima sempre controllata. Qualche giorno fa si è bloccato lo sterzo con il conseguente spegnimento dell’auto.

Pensando alla batteria, la rimetto in moto con i cavetti. Si è subito di nuova accesa ma con sterzo e pedale freno durissimi che per fare  neanchè un Km ho messo circa mezz’ora con conseguente esercizio per bicipiti e tricipiti. Arrivato al centro assistenza, viene subito fatta la diagnosi di alimentatore scarico. Domando s’è possibile che un pezzo simile dopo 4 anni sia scarico/rotto comunque da sostituire e che viene messa in gioco la sicurezza del guidatore (quando è successo andavo per fortuna veramente piano). Risposta: sono cose che succedono con la sorprendente spesa di 715 euro (alimentatore e batteria).

Antonello Arpaia , Roma - Tel.: 3335817145  Grazie - E mail: bbarpa@tin.it


PROBLEMI AD UNA "BMW SERIE 1-116 D" NON RISOLTI

Con la presente voglio informarVi, che non riesco ad avere risposte dal servizio Customer Care di BMW ITALIA alle mie innumerevoli e-mail inviate, segnalando una anomalia di funzionamento sul mio veicolo BMW serie 1 116d, acquistata a Maggio 2011, peraltro accertata anche dalla concessionaria A.D. MOTOR.  Ho richiesto l’intervento di personale specializzato (ispettore di zona) per poter fargli notare tutte le problematiche che affliggono il veicolo e trovare la soluzione per il ripristino degli stessi.

Faccio presente che il veicolo è stato già oggetto di intervento sostanziale in garanzia circa due mesi fa, per la rottura del cambio, problema questo, in parte risolto.

Ho richiesto esplicitamente la sostituzione del veicolo, per i motivi sopra esposti, in quanto i problemi emersi in sede di utilizzo del veicolo, secondo me, vanno al di fuori dei normali interventi in garanzia, ma da attribuire a difetti di costruzione o assemblaggio, pertanto di difficile risoluzione.

Spero che con questa ennesima e.mail inviata anche alla redazione di Spazio Motori, specializzata nel settore delle auto, BMW ITALIA si faccia viva. E mail: paolosantantonio@tiscali.it


GRAVISSIMO DIFETTO AL MOTORE DI UNA "NISSAN QASHQAI 2000 TDI". MA LA CASA NON RISPONDE...

Salve carissimo Direttore. Ho acquistato circa quattro anni fa un Nissan Qashqai 2000 tdi. L’auto ha eseguito tutti i tagliandi regolarmente ed è stata sempre tenuta in ottimo stato ma dopo appena 40000 km una continua perdita del liquido di raffreddamento ha insospettito i meccanici della concessionaria che l’hanno messa sul ponte e haimè, una triste sorpresa: una filatura nel blocco motore, un gravissimo danno strutturale non imputabile al sottoscritto ma un difetto di fabbrica quantificabile in € 9000 circa (c’è da sostituire l’intero blocco motore). Malgrado le continue sollecitazioni da parte mia e della concessionaria, la casa madre si è rivelata totalmente indifferente e non ha la minima intenzione di accollarsi ogni responsabilità. Sta di fatto che l’auto è ferma da circa un mese e mezzo e potete immaginare i notevoli disagi creati dalla situazione. Scrivo per raccontare la mia disavventura e per esprimere la totale sfiducia nei confronti della casa automobilistica Nissan insensibile nel momento in cui un cliente ha un problema e sensibile solo al momento della vendita (L’automobile è costata € 25000). Navigando sul web ho inoltre riscontrato che i blog contro questa macchina sono diffusissimi.

Salve...a presto.

E mail: gius-eppe@tiscali.it


PROBLEMI AL CAMBIO DI UNA "VW GOLF 2.0 TDI"

Gentile Direttore, a Febbraio del 2009 ho acquistato la nuova VW GOLF TDI  2.0 e con grande piacere e soddisfazione mi sono trovato subito a mio aggio su tutti i punti di vista.

Tengo a precisare che per mia volontà eseguo il tagliando annualmente e non ogni 30.000 km. A Febbraio di quest’anno dopo i lavori eseguiti mi è stata riconsegnata l’ auto, mi accorsi da subito che qualcosa, oltre alla solita manutenzione, era cambiato : le marce più basse(1^-2^ e 3^ anno fatto venir meno l’ elasticità del motore divenute rumorosissime, l’ azione frenante del motore si è ridotto almeno del 10 per cento , in viaggi lunghi è poco sopportabile la rumorosità che si ripercuote all’ interno.

In concessionaria, a cui affido anche i tagliandi, non mi danno alcuna soddisfazione dicendo che è normale che sia così ma io non credo assolutamente a questo.

Chiedo a lei signor Direttore se è possibile sapere a chi potrei contattare? La ringrazio e porgo Distinti saluti.

E mail: sergio-locci@hotmail.it


"CITROEN C3", PROBLEMI AL CLIMATIZZATORE

Buongiorno, con la presente vorrei comunicare un'anomalia nel nuovo modello di Citroen C3 acquistata a Novembre 2010 cil 1.100. Avendo acquistato la vettura in inverno ho usato il climatizzatore per la prima volta a Giugno dell'anno corrente. Ho da subito notato un'anomalia ovvero in circostanze di salita (neanche tanto ripida) o di sorpasso, il clima cessa di funzionare e produce solo aria a temperatura ambiente. Ho segnalato questo, che per me è un difetto, alla concessionaria dove avevo effettuato l'acquisto ma il capo officina mi ha risposto piu' volte che è normale per non far perdere di potenza il motore si disattiva il clima automaticamente. Ho chiamato il servizio clienti Citroen e la casa madre mi ha risposto con una mail (che vi allego) dicendo che era una caratteristica dell'autovettura cioè il funzionamento del clima è al 50% se vado in pianura e piano funziona, se vado in salita o in autostrada nei limiti di velocità che posso fare con un 1100 non va. Ho intenzione di farmi rimborsare i soldi spesi per il clima facendo scrivere dal mio legale, inquanto io non l'ho comprato con i saldi al 50% ma l'ho pagato a prezzo pieno e credo sia assurdo che non funzioni in ogni circostanza. La cosa assurda e che comunque dato che loro la chiamano "caratteristica del clima in queste vetture" non c'è scritto sul manuale delle istruzioni ne tantomeno mi è stato detto al momento dell'acquisto. Se altri avessero avuto lo stesso problema vi prego di scrivermi a nuova.ottica@tiscali.it    Grazie Alessia da Messina - E mail: nuova.ottica@tiscali.it

Allego mail di risposta da Citroen: Gentile Signora, facciamo seguito al Suo disappunto circa il nostro riscontro fornito a mezzo mail nella giornata odierna.
Confermando il contenuto della citata comunicazione, in riferimento al gruppo di climatizzazione siamo a chiarire che in situazioni dove il conducente richiede potenza per assicurare la fluidità di marcia per garantire la sicurezza nella circolazione, il compressore viene giustamente escluso per non rubare potenza al motore del viecolo. Tale comportamento non costituisce quindi un'anomalia, ma è una caratteristica tecnica del veicolo.
Sperando di aver chiarito ogni dubbio, porgiamo i più cordiali saluti.
CITROËN ITALIA S.p.A.- Servizio Relazioni Clienti  - Sezione Commerciale
Per rispondere all'e-mail, utilizzare una risposta con storico in modo da includere nella risposta l'identificatore conversazione [ID THREAD:2397797].


STRANE VIBRAZIONI AD UNA "BMW X1 - 18S DRIVE"

Buon giorno. Non so ancora se questa si rivelerà una disavventura e spero di no.

L’antefatto:

ho riscontrato un rumore anomalo al momento dell’avviamento START/STOP di una BMW X1 18Sdrive.

Come una scintilla, vibrazione, strofinamento, qualcosa di simile.

Macchina in garanzia (immatricolata 2010).

2 giorni e la BMW mi riconsegna la vettura (in questo caso non ho avuto auto a noleggio poiché fuori uso)

Tempo un giorno ed il rumore si ripresenta. Inoltre, si aggiunge una strana vibrazione, riscontrabile sotto sforzo (tipo in salita – accelerazione e ritorno), sopra i 2500 giri c.ca e, mai, in discesa.

Questa volta BMW stupisce e mi fornisce un’auto sostitutiva.

Passa una settimana e, oggi, ritiro la vettura. Che purtroppo persiste……il rumore c’è ancora. Mentre il secondo problema, relativo alla vibrazione oltre i 2500 sembrerebbe essersi risolto.

In buona sostanza, BMW, durante il primo intervento ha sostituito la puleggia dell’albero motore (per loro fin dall’inizio quello era il problema, la puleggia vibrava sulla cinghia alternatore, credo, rischiando altri danni…alla frizione….).

La seconda volta BMW, a seguito di relazione tecnico specializzato, ha sostituito la puleggia con una nuova e modificata, fornita dalla casa madre.

Ora, io vorrei un consiglio. A me preoccupa la garanzia. Cioè a dire; non vorrei che, a garanzia scaduta, si verificasse un problema grave, magari derivante da una negligenza legata a quanto sopra (frizione o peggio se si trattasse di un cuscinetto dell’albero motore…..per sostituire il quale, immagino debbano aprire tutto……) e che avrei potuto risolvere prima…Per quanto mi riguarda la macchina a 18.000 km deve suonare come una sinfonia. Suggerimenti?

E mail: muzha68@gmail.com


NUOVA "OPEL ASTRA" RUMORI E PERICOLOSITA'

Buona sera caro direttore la ringrazio per l'attenzione che vorrà rivolgere al mio caso.

Ho acquistato nel febbraio 2011 una nuova Opel Astra, dopo soli 1500 chilometri si sono presentati in maniera lieve,ma poi sempre più frequentemente e con maggiore intensità, dei rumori metallici al retrotreno ogni qualvolta mi trovavo a percorrere strade leggermente sconnesse, dossi di rallentamento, o semplicemente manti stradali con asfalto non propriamente liscio.

Recatomi in concessionaria espongo il problema e il mio interlocutore mi risponde di primo acchitto che non sa cosa fare. Capirete quale soddisfazione un cliente possa ricevere da tale risposta.

Prova l'automezzo il capo officina e mi ferma l'auto per alcuni giorni per effettuare dei controlli. Ritiro l'auto dopo 3 giorni e vengo informato che sono state sostituite le molle delle pinze dei freni posteriori.

Passano 20 giorni e 1000 chilometri e gli stessi rumori compaiono sia all'avantreno che al retrotreno, con l'aggiunta del pericoloso particolare che il veicolo cambia in maniere repentina ed in difetto nell'efficenza delle prestazioni dell'impianto frenante. Riporto il veicolo in assistenza, dove mi rispondono che quello che per il momento opel indica come soluzione del problema è l'applicazione di una pasta sulle molle e lo spurgo dell'impianto frenante, e che purtroppo tutto è dovuto a tolleranze sbagliate nella costruzione dei particolari che compongono l'impianto frenante di queste auto.Ora mi domando, se adesso con freni nuovi e quindi con uno spessore di pinze frenanti di una certa dimensione devo fare attenzione alle distanze quando freno, cosa succederà quando tale spessore sarà diminuito? Mi auguro di non aver mai di fronte un passante, un motociclista o un ciclista. Per opel basta un poco di pasta per le vibrazioni.....PAZZESCOOO!!!!!!.....Sala Gianluca - tel.3385215391 - Email: ritaeluca@live.it


FURGONE "FIAT STRADA": TURBINA SOSTITUITA 4 VOLTE IN 20.000 KM!

Cara redazione, io penso non riuscirete a credere che sia vero ciò che vi racconto. Ho acquistato un Fiat Strada nuovo il 28-06-2009 , ha 20700 km. In garanzia gli è stata sostituita la turbina del multjet 3 volte, ora si è rotta per la quarta volta e sono due mesi che il mio furgone è presso un'officina autorizzata fiat perchè non sanno più cosa fare, aspettano risposta dalla Fiat stessa che magari a fine stagione, io ho un'attività, forse dico forse mi ridarà il mio furgone. Non comprerò mai più una Fiat, ma resta il fatto che sono due mesi che sono a piedi per il mio lavoro! Scusate per il mio sfogo! Da: Rodolo Romano - E mail: mara.carissimi@tele2.it


PROBLEMA IRRISOLTO E "SEGRETO" AL CAMBIO DI UN'ALFA ROMEO "GIULIETTA"

Da novembre 2010 possiedo la tanto decantata Giulietta. Da subito ho riscontrato un problema che (a detta dei tecnici di due officine autorizzate) sembrava di poco conto e facilmente risolvibile. Trattasi di un rumore alla trasmissione assolutamente antipatico e abbastanza accentuato. Dopo averla lasciata diversi giorni a disposizione di due officine autorizzate Alfa Romeo (prima l’off.Casadio di Imola poi l’off.blu auto sempre di Imola) il problema e’rimasto irrisolto ma con la promessa che sarebbero venuti i tecnici da Torino a sistemare l’inconveniente. Sta di fatto che purtroppo dopo telefonate e ritelefonate con la direziona Alfa Romeo mi e’stato riferito che purtroppo e’un difetto di questo tipo di macchina (sotto studio da parte dei tecnici) e mi e’stato raccomandato di non divulgare la notizia che a breve mi avrebbero risolto il problema. A tutt’oggi sono ancora in attesa della risoluzione. Non sto ad elencare tutti i contatti che ho avuto e le telefonate fatte,ma mi sono documentata annotandomi date e nomi delle persone contattate. Stanca di questa tiritera a malincuore mi sono rivolta ad uno studio legale affinche’tuteli i miei interessi .A disposizione per qualsiasi tipo di chiarimento.

Porgo distinti saluti

Marabini Marisa - Castel Guelfo di bologna - Tel e fax: 054253678  Cell.: 3403748028 - E mail: marinocapra1949@gmail.com


DELUSO DALL'ASSISTENZA PER PROBLEMI AD UNA "CITROEN C4 GRAN PICASSO"

Mi presento, sono uno dei delusi possessori di una Citroen C4 granPicasso.

Scrivo la mia esperienza, dopo aver aspettato inutilmente una risposta da quella che pensavo fosse una azienda attenta ai suoi clienti.

Il mio sdegno, è totale e indiscriminato sul servizio che Citroen Italia riserva a chi come me, purtroppo incappa in un guasto lontano da casa.
La mia Auto non è ripartita mentre ero fuori per lavoro a Quarrata (PT). Dato che l'auto è in garanzia chiamo l'assistenza Citroen Italia e a loro comodo mandano un carroattrezzi che porta l'auto all'officina autorizzata Citroen di Pistoia (AUTOEQUIPE) e qui i meccanici abbastanza gentili iniziano subito a cercare un fantomatico guasto che va, prima dalla scodifica della chiave fino all'accensione. Dato che l’officina, nonostante nel piazzale ci fossero due auto con la scritta (AUTO DI CORTESIA) ci dicono che non hanno auto per noi, per cui ci consigliano di telefonare di nuovo al numero verde perché la prassi vuole che ci sia data un’auto sostitutiva. Stessa situazione di prima, prima di riuscire ad avere considerazione devo fare altre telefonate (telefonate che sfiorano il ridicolo…), fino al momento che facendo un po’ di voce grossa, mi comunicano di aver fissato un'auto a noleggio per farci tornare a casa. Sfruttando la gentilezza del giovane magazziniere, sotto un diluvio ci accompagna a prendere la vettura in una imprecisata agenzia.

Stranamente però questa è chiusa e alla fine a notte l'operatore del numero verde alla fine di pressanti richieste di spiegazione, candidamente si scusa tantissimo e ci dice che c'è stato uno "Sbaglio Nazionale", in pratica l'autovettura è stata prenotata per il giorno dopo e naturalmente non sanno come consigliarci come risolvere. Non resta che andare alla stazione ferroviaria dove velocemente (e naturalmente senza cena) prendiamo più treni fino a casa.

Sono richiamato dopo circa 1 settimana "La sua auto è pronta, non era la codifica della chiave ma abbiamo sostituito la centralina principale di gestione. Così la mattina dopo riprendo un giorno di permesso e con la solita trafila di auto mia, lasciata alla stazione di Arezzo, treno con cambio a Firenze finalmente arrivo a Pistoia e a piedi, torno alla concessionaria.
Sono quasi le 12, rimetto tutte le mie cose in macchina saluto i venditori e monto sulla C4 per ripartire, ma sorpresa.....!!!! la Picasso non ne vuole sapere.
Siamo al punto di partenza, un meccanico prova inutilmente ma non riusciamo a metterla in moto.
Siamo esattamente al punto di partenza e qui, la maleducazione degli operatori che non lasciano il tempo di spiegare dicendomi che è sabato e non sanno come trovarmi una macchina sostitutiva, mi mandano in bestia, non so piu’ che fare, ma quando alla signorina dico che vado alla polizia perché non ne posso piu', improvvisamente come per miracolo l'auto sostitutiva è subito trovata.

Sono letteralmente deluso…., ma mi accompagnano a prendere l'auto al centro Europa Assistance, devo anticipare 200€ poi mi salutano dicendo "ci rivediamo lunedì mattina alle 8.
Sono esterrefatto. Come posso riportare lunedì mattina alle 8 la Punto se l'officina Citroen è naturalmente chiusa e non inizierà a lavorare sulla mia Picasso prima delle 9?
Morale della favola rincuorato dall'assitenza Citroen Italia vado a casa e l'officina mi richiama il martedi che di nuovo la Picasso è pronta.

Torno ma se voglio riprendere la mia auto devo in ogni caso pagare la penale, 254,00 Euro.

Ecco questa Condensata è la lettera che ho spedito quasi un anno fa alla Citroen, beffeggiato e deriso da una probabile mancanza di attenzione.

Attenzione che decade esattamente il giorno dopo l’acquisto di ogni autovettura.

COMPLIMENTI a me per aver scelto un’altra Citroen.

Carlo Brugoni - E mail: bcarlo@tecnothermo.it - Tel.: +39 0575 741775


DIFETTO PERICOLOSISSIMO ALLO STERZO DI UNA "FIAT PUNTO 1.3 M.J. DYNAMIC"

Buon giorno , mi chiamo Domenico Gioffrè abito a Reggio Calabria e sono possessore di una Fiat punto 1.3 M.J. Dynamic comprata nuova a marzo 2005( E. 15.400 ). E' stato l'acquisto piu' disgraziato della mia vita. Ne sono ancora piu' convinto oggi 4/06/2011 visto che in 6 anni , specie durante i due anni di garanziaho cambiato di tutto a mie spese. Ho constatato la Fiat x un eternità e un loro incaricato ha sottoposto la mia macchina a controllo e solo dopo 20 gg mi arriva a casa una raccomandata : la Macchina è perfetta!.

Peccato però che nell'arco dei sei anni nessun test Fiat abbia mai rilevato il motivo o traccia sul computer exsaminer del BLOCCO TOTALE e non lieve indurimento come dice la Fiat dello sterzo.

Ho avuto 4 incidenti + 2 sbandate contro un muro per evitare pedoni- Cofano e mascherina e radiatore deformati.

Oggi, la spia e il conseguente indurimento e gestione dello sterzo si è verificato 5 volte, in città. Si in città perchè l'auto ormai la guido solo io, i miei figli non li porto , mia moglie ha sbattuto contro un muro da sola anni fa per lo sterzo e non la vuole piu guidare. All'epoca ho chiesto di sapere se il mio telaio era tra quelli richiamati sul giornale al volante e la fiat ha detto no.

In tutta Italia vendono usate auto con questo difetto ( Punto , Panda , Opel, Ford ) che appartenevano a gente che se ne è liberata appena si è presentato il difetto con conseguente panico. A me per la prima volta è successo in piena curva e con la famiglia e garzie a Dio , al freno a mano e al mio arrampicamento sul volante ( 15 anni di guida alle spalle ) mi sono salvato sbattendo contro un alto marciapiede deformando il cerchione tra le grida di terrore di mia moglie!!!!!!!!!!!!

Attenzione la Fiat sta moltiplicando i morti sulle strade italiane,non credo tanto ai colpi di sonno in pieno giorno o a incidenti mortali con traiettorie a 45 gradi contro un'albero.

Purtroppo i morti non tornano per raccontare la loro disavventura come probabilmente non tornerò neanchio a dirvelo perchè non posso cambiare macchina , non ho 1000 euro per una sostituzione di piantone e sensore coppia appena accertati dal computer non della Fiat ma di un amico meccanico. Maledetta la fiat , maledetto io il giorno che l'ho comprata e maledette le officine fiat che non capiscono le disgrazie che causano agli ignari acquirenti con i loro prodotti schifosi! I pezzi che cambiano in garanzia ho saputo che sono rigenerati e quelli che cambiano a pagamento hanno garanzia 1 anno e poi sei libero di goderti la spia city e pensare alla moglie a casa finche morte o Dual drive non vi separi. Vi lascio confessandovi che piango per gli sfortunati possessori e nuovi acquirenti di auto con questo dispositivo mortale e aggiungendo anche di aver avvisato il capo della Polizia-Roma e il Ministro dei Trasporti senza alcun risultato. Vi prego , Voi della redazione non comprarte nè punto nè lancia Y , nè panda ai vostri cari se veramente vi stanno a cuore. Perdonatemi se ve lo dico ma sono fatto cosi , credo che anche voi butterete nel cestino questa missiva!!!!!

Domenico Gioffrè - Tel. 380-4387661 - E mail: domenico.gioffre22t@alice.it


PROBLEMI ALL'IMPIANTO AUDIO DI UN' "AUDI S5" (di ben 72.000 euro...)

Sono, o meglio, ero un felice possessore di un’Audi S5. Tutto andava benissimo fino ad un mese fa, l’auto mi soddisfava in tutto, prestazioni,comfort e ogni  tipo di aspettativa. Poi appunto succede che mentre stavo ascoltando la radio l’audio scompare,e mi rendo conto che nonostante funzioni tutto il sistema MMI (multi media inteface), non arriva l’audio.
Il giorno seguente porto l’auto al concessionario in cui l’ho acquistata e mi viene detto che è saltato l’amplificatore (monto il tanto decantato impianto Bang & Olufsen) e che va sostituito. Bhè chiarisco che l’auto è fuori garanzia avendo appena passato i 3 anni di immatricolazione, ma è anche vero che ho percorso solamente 12.000 km, quindi potete ben capire quanto posso aver usato l’impianto audio, avendo usato così poco l’auto.Faccio presente questa cosa, asserendo che trovo assurdo che una vettura pagata la bellezza di 72.000€ possa dopo solo 12.000km presentare un problema del genere. Mi viene suggerito dalla concessionaria di mandare un fax al centro di stoccaggio di Verona per spiegare le mie motivazioni,e a distanza di 20 giorni,e di un fax e una mail di sollecito non ho ancora ricevuto nessuna risposta,nemmeno un “no”!

Trovo assurdo alcune cose:
1°)che non mi venga sostituito gratuitamente un pezzo praticamente nuovo, solo perché la garanzia è scaduta.
2°)che non mi venga nemmeno data una risposta alle mie osservazioni.
3°)che un marchio come Audi,che si reputa “all’avanguardia della tecnica”,si dimostri così carente nell’assistenza ai proprio clienti.
Faccio inoltre presente che al momento del ritiro della macchina in officina mi sono ritrovato il vano contenente l’amplificatore ancora aperto,con l’amplificatore appoggiato al resto del sistema audio,e le viti appoggiate nel baule,e questo quando il costo di manodopera Audi ha prezzi esorbitanti! Concludo dicendo che in passato,con auto di marchi che probabilmente in Audi definiscono inferiori non ho MAI avuto problemi simili e,anzi, ho sempre riscontrato maggiore efficienza e cura dei proprio clienti,pertanto mi vedrò bene di consigliare ad un conoscente di acquistare automobili Audi, e li consiglierò di valutare marchi come Mercedes e BMW che a mio avviso sono ad un
livello nettamente superiore di Audi,
nonostante i prezzi si equivalgano.
Ringrazio vivamente per l’opportunità concessami, sperando di essere stato d’aiuto a chi stia pensando di acquistare un’Audi.
Cristiano Missaglia – Agrate Brianza (MB) - E mail
missa34@libero.it


POLIZZA ASSICURATIVA CHE NON ARRIVA AD UNA "CHEVROLET ORLANDO"

Buonasera, in data 27 maggio 2011 è stata immatricolata la mia nuova macchina ossia una Chevrolet Orlando ltz automatica.

Ovviamente il giorno prima del ritiro mi reco nella sede della mia assicurazione per attivare la polizza.

Comunico al mio assicuratore che come promozione lancio vengo "omaggiato" dell'assicurazione incendio e furto gratis per 10 anni!

il mio assicuratore mi dice che se non ha in mano la polizza incendio e furto non può integrare la polizza con atti vandalici, eventi naturali ecc... ecc..., il giorno successivo mi reco presso la concessionaria Chevrolet O.M. 2000 Perinetti di Trasacco in Provincia dell'Aquila per il ritiro e vengo informato che la polizza viene spedita direttamente al mio indirizzo entro pochissimi giorni.

Aspetto una settimana e niente.... aspetto un'altra settimana e niente....quindi in data 14 Giugno 2011 alle ore 16:30 circa contatto il numero verde Chevrolet Italia ed espongo il mio problema.

L'operatore mi risponde che non compete loro risolvere questo problema insistendo nel darmi il numero della Pegaso Assicurazione o Milano assicurazione affinchè io stesso potessi contattarli per velocizzare la cosa visto che per loro sarebbe arrivata, come di norma, dopo almeno due mesi presso la concessionaria e avrei quindi potuto ritirarla.

Però ricordo che se avessi voluto integrare la polizza nella concessionaria stessa al momento dell'acquisto avrei potuto farlo istantaneamente versando 250 euro per il tipo di polizza oro e 400 circa per la polizza platino.

In sostanza riassumendo l'accaduto ti omaggiano dell'assicurazione incendio e furto per 10 anni e fanno del tutto affinchè diventi quasi impossibile integrare la polizza se non con l'assicurazione collegata alla promozione!!!

Attenzione non mi sto lamentando della concessionaria ma del sistema innescato dalla Chevrolet Italia.

Mi chiedo:

- perchè io consumatore non posso decidere liberamente con chi integrare la polizza se non sottostando a questo disservizio?????

- ho diritto ad avere subito questa polizza oppure è legale che io debba aspettare due mesi?????

Da notare che nel frattempo la mia macchina nuova (frutto delle mie fatiche) non è coperta dagli eventi naturali (adesso è periodo di grandine) e anche da eventuali atti vandalici (non ho il garage chiuso)!!!!

Gianni Mazzei - E Mail: giannimazzei@omasrl.191.it


PROBLEMI ALLA CENTRALINA DI UNA FIAT "GRANDE PUNTO"

Salve, sono Luca da Cinisello Balsamo (MI).

Purtroppo ho acquistato una Fiat grande punto 1.4 gpl a fine marzo 2009, che delusione.

Problemi di eccessivo consumo di gpl, ci sono voluti due anni per sistemare l'anomalia con richiamo di tutte fiat G.P. per sostituzione riduttore gpl.

Alcuni giorni mentre percorrevo una strada a Brugherio (MB) mi'è capitato improvvisamente lo spegnimento del motore con il blocco completo del volante, non avendo la possibilità di sterzare all'altezza di mini rotonda, m'ha causato l'urto sul pararango anteriore destro con apertura automatica dei due air-bags anteriori, rottura fanale dx, rottura telaio ausiliario(inferiore),ruota ant sx.....

a seguito dell'urto vi era presenza di odore di carburante ho girato la chiave spegnenendo il motore.

Alcuni giorni prima mi si'era accesa una luce gialla 'indicante recarsi in officina', recandomi mi è stato riferito che trattasi di segnalazione del gpl grassa, è stata azzerata la centralina. (Ovviamente non è stata fatta nessun documento del lavoro fatto).

Essendo più in garanzia da due mesi non ho potuto utilizzare il numero verde Fiat.

Attualmente l'auto è presso una carrozzeria, essendo il motore bloccato è intervenuto un tecnico di una concessionaria di Cinisello Balsamo che nuovamente ha azzerato la centralina per poter avviare nuovamente il motore.

E' da ritenersi che lo spegnimento improvviso del motore sia da considerare difetto di fabbrica.

Ho fatto fare una diagnosi da una concessionaria fiat per poter rilevare dalla centralina, essendo stata azzerata dopo l'urto per avviare il motore ovviamente risulta 'nessun errore'.

Il test sullo sterzo segnala -2.5°  , sul libretto istruzioni è segnato 10.5, è giusto??????

Penso che questo comportamento dell'assistenza Fiat di continuare ad azzerare la centralina, evitando di segnalare la varie anomalie trascorse violi la sicurezza dell'autoveicolo. Ho voluto partecipare allo sviluppo fiat, ma che delusione sulla sicurezza.

Luca - E mail: sbarre@libero.it


SCARSA ASSISTENZA AD UNA CHEVROLET "CAPTIVA 2.0 TDI"

Possiedo una Chevrolet Captiva 2.0 td LTZ full optionals, sulla quale ho sempre riscontrato dei fastidiosi rumori provenienti dal lato anteriore dx.

La vettura è stata portata in assistenza per far risolvere il problema e anche perchè nel frattempo ha comunque avuto almeno due richiami a riguardo dalla casa.

Ma dopo quasi tre anni il problema non è stato risolto, ho continuato a portarla in assistenza dove l’ultima volta è rimasta per ben una settimana dicendomi che era tutto ok, ma come sono uscito dall’officina il rumore persisteva, anzi direi che è peggiorato proprio dopo l’ultimo richiamo ufficiale sulla scatola dello sterzo.

Guardando sui vari siti internet sono tanti i possessori della captiva che hanno riscontrato il problema, quindi mi chiedo cosa stia facendo la Chevrolet e visto che a questo punto dalla loro assistenza comincio a sentirmi preso in giro, chiedo a voi come comportarmi prima di andare avanti per vie legali. Sicuro di una vostra risposta, distinti saluti

Davide VERRECCHIA - E mail dadove09@libero.it - Cel. 333 4277372


DELUSIONE PER L'ASSISTENZA AD UNA OPEL "ANTARA 2.0 CDTI"

Buongiorno vi scrivo per segnalare un difetto di una Opel Antara 2.0 cdti Cosmo acquistata nel 2008 presso il concessionario Buzzetti di Rho (MI).
Dopo 2 anni (auto ancora in garanzia) ho segnalato che sul pannello della porta del conducente ove si appoggia il braccio si è formato un buco, ma la risposta è stata che quella è usura. L'anno dopo (avendo esteso la garanzia) ho riproposto il mio problema sia alla concessionaria sia all' Opel ITALIA, ma il risultato non è cambiato e addirittura un incaricato del servizio clienti OPEL mi ha detto : " Bisogna anche vedere come appoggia il gomito".
Giunti al terzo anno ho segnalato anche che il sedile in pelle presenta dei tagli, e allora ho pensato visto la loro risposta precedente, che magari ho il sedere a punta...
Non si può davvero pagare una cifra notevole ed avere in cambio una qualità pessima, un concessionario che pensa solo a incassare e un servizio clienti che per le risposte che dà farebbe meglio a tacere!!!!!!! COMPLIMENTI OPEL avete perso un cliente per poche centinaia di euro e per la poca serietà e disponibilità dimostrata.
Andrea Anzani - Pero (MI) - tel 339 53 89 602 - E mail: contabilita@fimpa.net


ASSISTENZA SCARSA, LENTISSIMA E CARA AD UN LANCIA "Y". IL CLIENTE VIENE ABBANDONATO

Vi sottopongo la mia vicenda:
17/2/2011 acquisto della vettura Lancia Y "Diva" 75 cv., nuova presso la concessionaria del gruppo Dinamica Rosta. Saldo immediato in contanti dell'intero importo.
6/4/2011 la vettura si ferma a Rosta (TO) per guasto e l'assistenza provvede a portarla con il carroattrezzi presso l'autofficina autorizzata LANCIA più vicina (Almese)
Dal 6 aprile al 19 aprile nessuno si fa sentire per farci sapere in che cosa consiste il guasto.
Chiamo l'officina in data 19/4/2011 ore 18.00 , mi spiegano che è un problema dovuto a del carburante sporco e che il danno non passerà in garanzia ma che devo aprire una pratica chiamando il numero verde dell'assistenza.
Apro la pratica ma nessuno continua a farmi sapere nulla. Chiamo insistentemente il numero verde chiedendo di un responsabile; mi viene risposto che la mia pratica è seguita dalla Signora Valesi che mi contatta dopo Pasqua dicendomi che era in ferie e chiedendomi se mi sembrava il caso di chiamarla così tante volte visto che eravamo nel periodo di festa... (ha anche aggiunto: ma lei lavora nel periodo di Pasqua??).
Dopodichè appurata la tipologia del danno (cambio degli iniettori) e della NON garanzia ho avanzato la legittima richiesta di conoscere il preventivo di spesa e i tempi di consegna.
Non ho ricevuto risposta nè dal capofficina (il quale mi ha detto che i pezzi che doveva sostituire dovevano arrivare dalla Spagna... ma si può mettere in commercio un'automobile senza disporre dei pezzi di ricambio???) tantomeno dalla signora Valesi la quale mi ha risposto "il capofficina mi ha detto che non conosce la spesa e io non posso costringerlo a farmelo dire!! La macchina è sua signora non posso occuparmi io di sapere il preventivo di spesa!!!"
Passano i giorni (ovviamente alla richiesta di una vettura di cortesia il capofficina mi risponde che avrebbe potuto fornirmela solo a mio carico) e la macchina mi è stata consegnata solo ieri 18/5/2011(dopo 42 giorni!!!) alla modica cifra di E 2.070,60 iva compresa.

Sabrina Gazzerro - E mail: stefrina@libero.it


PROBLEMI AD UNA FORD "GALAXY 2000 TDCI"

Ciao a tutti, ho comprato nel gennaio 2010 una Ford Galaxy tit 2000 tdci (quasi 35 mila euroni), full optional, (ora 13500km, tagliandata, ancora in garanzia) ma quasi 2 mesi dopo sono iniziati i difetti che vado ad elencare in ordine di comparsa:

- computuer di bordo con autonomia gasolio non affidabile (a serbatoio pieno oscilla di 100/150 km ogni minuto, a autonomia 100 km. appena andato in riserva, mi ha lasciato a piedi)

- antifurto elettronico che non funziona (le sirene partono in qualunque momento, acceso o spento, e anche a macchina aperta, non

suona...)

- aria condizionata (mai usata) che da ieri non va più.

La concessionaria latita sull'assistenza e non mi ha mai dato soddisfazione sugli interventi fatti (secondo me non ha mai fatto nulla). mi sono rivolto ad officine Ford autorizzate ma nn trovano nulla di grave. Cosa posso fare la garanzia dovrebbe tutelarmi .....

ma io ho sempre la macchina che non funziona.. mi rivolgo ad associazione di consumatori e faccio causa ??? NON MI AIUTANO, MI DICONO CHE L'AUTO NON HA NULLA, per favore aiutatemi grazie saluti. Enrico Genova.

Enrico Fertini - I.S.O. Srl - Logistic Dept. - (+39-010-2707224 - 2+39-010-2707501 - E mail: enrico.fertini@isogenova.com


INSODDISFATTO DA UNA FORD S-MAX 1800

Quanta poca soddisfazione aver speso soldi per acquistare una Ford  s-max 1800 nel novembre 2006, a 10000 km. si è rotto il tubo del serbatoio reintegro acqua al radiatore, rimasto a piedi a Ravenna. A 12000 km.  circa Mi è stata cambiata la campana del motorino d’avviamento, sembrava una ferramenta. Per un anno e mezzo sono andato avanti tra officina ford a Imola e lettere a Ford Italia per il problema della batteria che si scarica, ora sembra risolto, ma con notevoli disagi, carri attrezzi, macchina sostitutiva che se la volevo dovevo pagarla. Ora  a 67.000 km sono al 4 treno di gomme, tutte delle migliori marche 200€ a gomma 225- 50- 17 e sentirmi dire che la macchina è pesante e per questo ho dell’usura faccio poca autostrada e tante rotonde.

CONCLUSIONE I MIEI SOLDI ERANO BUONI, NON HO AVUTO UNA ADEGUATA ASSISTENZA SECONDO ME DALLA MIA CONCESSIONARIA DI IMOLA ESY CAR, (DOPO TRE FORD ACQUSTATE IN DUE ANNI) MI TROVO CON UNA MACCHINA CHE SE VOGLIO SBARAZZARMENE DEVO SVENDERLA. CONTINUERO’ A MONTARE UN TRENO DI GOMME OGNI 20.000 KM. FINO A QUANDO NON RIUSCIRO’ AD ACQUISTARE UN'ALTRA MACCHINA SICURAMENTE NON FORD. MOLTO AMAREGGIATO (ERA LA PRIMA MACCHINA DI UNA CERTA CIFRA CHE ACQUISTAVO)

GRAZIE. Gambassi Graziano cell: 333-2265280  -  E-mail  graziano.gambassi@alice.it


DIFETTO PERICOLOSISSIMO AD UNA HONDA "VFR-DTC 1200V": MA IL CLIENTE RESTA SOLO

Sono praticamente disperato. Ho acquistato una moto Honda VFR-DTC 1200V al prezzo di euro 17.100,00 presso il Concessionario Romanelli, adesso rinominato "Quinzi Honda",in via Garbini di Viterbo, il 16/06/2010. Da questa moto nuova ho dovuto sostituire, nel termine di un mese, tre pezzi ed esattamente,due parafanghi uno ant. e l'altro post. più il parabrezza rigato. Il tutto visionato, fotografato e autorizzato da un Ispettore Honda. I problemi sarebbero finiti qui se non mi fossi accorto che la medesima moto, in fase di decellerazione, da una velocità di circa 120 km/h a 90 km/h tendeva a piegarsi pericolosamente verso destra. Stiamo parlando di una moto che ha 172 cavalli e un peso di circa 300kg.

Accortomi di tale pericolo, i primi di luglio provvedevo a segnalare al rivenditore di nome Augusto il difetto,e lasciavo la moto in officina inviando contestazioni  via e-mail sia al concessionario venditore (Augusto) che alla Honda Italia. Dopo circa un mese la moto veniva provata da un ispettore Honda che constatava il difetto e ordinava la sostituzione degli pneumatici. Per la sostituzione degli stessi è passato circa un mese e venti giorni perchè dovevano arrivare dal Giappone. Una volta sostituiti, nel riprovare la moto riscontravo lo stesso difetto pericoloso. Non fidandomi nemmeno più di me stesso, incaricavo un tecnico specializzato, il quale, a seguito di una prova su strada, riscontrava il difetto di conformità lamentato e che la moto"SI AVVERTE CHIARAMENTE LA TENDENZA AD ANDARE A DESTRA SOPRATTUTTO NELLA VELOCITà COMPRESA DA 130 A 90 KM/H E CIO' E' DI INDUBBIA GRAVITA', PERICOLOSITA' NONCHE' DIFFORMITA' DA QUANTO CI SI ASPETTA DA UN MOTOVEICOLO CON LE CARATTERISTICHE DI QUELLO DE QUO".

Conclusione. La moto è stata dichiarata difettosa, dal capo officina, dal sottoscritto, da un ispettore della Honda, da un perito incaricato dallo scrivente, e il rivenditore, Sig.Augusto, non ha fatto nulla al fine di porre fine a questa storia.

Dal 1/07/2010 la moto è depositata presso l'officina della concessionaria la quale mi minaccia di farmi pagare anche il deposito di 10 euro giornaliere. Quindi dall'01/07/2010 ad oggi mi trovo senza moto, senza soldi e quel che più mi disturba è che la moto stessa stà svalutandosi nel tempo.

Per me un dramma, avevo risparmiato questi soldi per coronare il sogno della mia vita, essendo un appassionato motociclista e invece è stato il mio maggior incubo. Non dormo più nemmeno la notte e non si riesce a venirne fuori.

Per me siete l'unica possibilità che ho di far valere i miei sacrosanti diritti, veramente calpestati. Vi prego di prendere in considerazione questo mio disagio, sono disposto a tutto, anche a pubblicare la mia storia in qualsiasi senso. Vi ringrazio anticipatamente.

Gabriele Campomaggiore - Vetralla 01019 Viterbo - Tel.casa 07611701435 - Cel. 333 7176383 - E mail: gabrielecampomag@gmail.com


Pag. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9

 

Note: il contenuto delle lettere pubblicate impegna integralmente gli autori, sollevando la Redazione di "Spazio Motori" da qualsiasi responsabilità.

Chi ha bisogno di una consulenza Legale specialistica, da parte di Avvocati esperti del settore che lavorano in convenzione con Noi, è pregato di scrivere qui: legale@spaziomotori.it

PRIVACY: Eventuali dati personali saranno trattati nel rispetto della Legge 196/2003 e succ. ( privacy ).

 

 

 


Home pageCopyright 2000/2017 © - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Testata giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registr. n. 5141-Provv.del 27-06-2000.

Editore: associazione culturale no-profit "Confgiovani"- Iscr. ROC n.19181. Direttore Resp. Dott.Massimiliano Giovine - giornalista (Tes. Prof. n.120448, già n.84715).

Direzione, Redazione: via D. De Dominicis, 20 c/o Giovine-cap. 80128 Napoli. E' vietata la riproduzione o trasmissione anche parziale, in qualsiasi forma, di testi, immagini, loghi ed ogni altra parte contenuta in questo sito web senza autorizzazione.

La Redazione non è responsabile di eventuali errori imputabili a terzi, nè del contenuto delle inserzioni riservandosene, pertanto, la pubblicazione.

Nomi e numeri sono citati a puro titolo informativo, per offrire un servizio al lettore. Proprietà artistica e letteraria riservata ©. Vedi gerenza e note legali/tecniche.

|Anno XVI num. 2 - Mar./Apr. 2017| - Per informazioni e contatti e-mail: redazione1@spaziomotori.it

Sito web ottimizzato per "Firefox", Internet "Explorer 5.0" o superiore - Risoluzione schermo consigliata: 1024 x 768 pixel - >>Privacy/Cookie<<