Navigando su questo sito web si accettano i cookie utilizzati per fornire i Nostri servizi. Per maggiori informazioni leggere l'informativa sui cookie

SPAZIO MOTORI HOME PAGE- Testata giornalistica telematica autorizzata dal Tribunale di Napoli con n.5141-Dir. Resp. Dott.Massimiliano Giovine   Il primo periodico telematico di informazioni ed inserzioni auto,moto,nautica,trasporti,viabilità,ambiente,sicurezza stradale,ecc.Testata Giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registraz.n.5141-Provv.del 27/6/2000-Direttore Responsabile Dott.Massimiliano Giovine - © Tutti i diritti riservati

|HOME|

|Presentazione|

|Note/GeRENZA| Cookie |

|Lettere|

|Spazio Motori "Ambiente"|

|Inserzioni gratis|

|Links auto|

|Links moto|

|Links utili|

|Assicuraz. web|

Anno XV num.6
Nov./Dic. 2016

|C E R C A|

 

ARTICOLI di questo numero

 

SEGNALAZIONI LE SEGNALAZIONI DEI LETTORI. Scrivi anche Tu!

 
Pillole/News
 
Rubrica "Spazio AMBIENTE"
 
ARCHIVIO articoli
Scrivi a:redazione1@spaziomotori.it

 

Scrivici

Torna alla Home page

 | Gerenza |

Le Vostre lettere: Pag. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9

Comunicateci lamentele, disservizi, ingiustizie riguardanti la Vostra auto, moto o imbarcazione. Ma anche apprezzamenti o consigli utili (non oltre 30 righe). Scrivete a: redazione1@spaziomotori.it  cercando di essere sintetici ed aggiungendo nome, cognome, città e recapiti. Le lettere più interessanti saranno pubblicate. Gli autori sono totalmente responsabili di quanto scritto. Grazie. (Privacy) Chi ha bisogno di una consulenza Legale specialistica CONVENZIONATA, da parte di Avvocati esperti del settore che lavorano in convenzione con Noi, è pregato di scrivere qui: consulenza legale . Vedi RUBRICA   

 

PROBLEMI AD UNA FIAT "QUBO" NON RISOLTI IN GARANZIA

Salve,le descrivo brevemente il mio problema! Io ho acquistato un Fiat Qubo nel settembre 2008, quest'estate ha iniziato a darmi due problemi:
rumore sulle sospensioni.
2° una crepa sul volante in pelle.
La macchina ha 35000 km, mi sono recato prima della scadenza della garanzia presso il concessionario dove ho comperato l'auto per la
visione dei problemi, mi hanno dato appuntamento, ho portato la vettura e hanno constatato che i due ammortizzatori anteriori avevano preso gioco sullo stelo. Subito è iniziata la presa in giro..mi hanno chiesto se avevo svolto i tagliandi, certo ho risposto, ho la fattura del Bosch Car
Service
dove mi sono rivolto per la manutenzione. Risposta:ci dispiace ma lei doveva fare i tagliandi presso officina specializzata FIAT..sono
tornato a casa con qualche perplessità, mi sono messo alla ricerca su Internet, dove ho trovato la Direttiva Monti sulla libera concorrenza. Il
giorno seguente mi sono nuovamente recato presso l'officina e gli ho letteralmente sbattuto in faccia la direttiva, risposta..si lo sapevamo,ora provvederemo a chiamare un super visore fiat per verificare se i pezzi si possono cambiare in garanzia.
Ennesima risposta negativa: No ci dispiace ma gli ammortizzatori rientrano in un bene di consumo! Possibile che dopo neanche 35000 siano
consumati...passo oltre perchè ho bisogno della macchina e me li faccio cambiare..Spesa 250€!
Punto uno diciamo risolto a mio scapito..
Per il secondo punto(Crepa sul volante in pelle) mi dicono di rivolgermi telefonicamente al CIAOFIAT, bene ho impugnato il telefono è ho fatto la segnalazione..Risposta? No, non si può cambiare perchè anche questo rientra nei beni di consumo..Ma è possibile??
Ho fatto un'ulteriore ricerca su internet e trovo che questo problema lo hanno avuto altre persone e che però sono riusciti a farselo
cambiare...ora che devo fare?
Grazie, Masera Fabrizio - E mail: fmasera@dueemmegi.com  


CHIAVE DIFETTOSA AD UNA "PEUGEOT 207" IN GARANZIA

Ciao a tutti scrivo per comunicare la poca importanza che viene data al cliente dalla casa automobilistica e dai concessionari Peugeot

sono Alessia Barbonchielli proprietaria di una Peugeot 207 acquistata il 26-02-2010  dalla concessionaria Peugeot auto p a Lucca.

Dopo poco tempo ho notato che la molla di richiamo della chiave era difettosa in pratica non riapre con lo scatto e rimane dentro ,non

mi sono fatta problemi dato che la macchina era nuova e ho aspettato il primo tagliando per segnalarlo all'officina della concessionaria

i quali mi hanno detto che la chiave non è in garanzia salvo per la parte elettrica meccanicamente non la riconoscono; poi a un mio secondo reclamo mi è stato detto che avrebbero mandato un kit di ricambio per la riparazione che ad oggi non è ancora arrivato mentre io ritengo che mi debba essere sostituita la chiave in quanto difettosa inoltre vengo a sapere che è un difetto congenito che hanno molti altri per questo la casa madre non lo riconosce.

Ho scritto all'ufficio reclami Peugeot chiedendo dopo aver descritto i miei problemi di essere contattata anche per spiegare meglio la questione ed assicurando che la chiave è difettosa e non è mai cascata o ha subito colpi vari, pertanto non vedo perchè non debba essere riconosciuta come tale e sostituita, mi è solo arrivata una email dicendomi di rivolgermi al concessionario il quale continua a dire che dipende dalla casa madre ed io sono ancora in attesa penso anche da informazioni con conoscenti che queste cose non succedano con altre marche, tantomeno  giapponesi. Sono molto delusa di tale atteggiamento anche in considerazione che in pochi anni con mio padre abbiamo acquistato 5 auto dalla concessionaria.

In attesa degli eventi porgo distinti saluti. In fede - Alessia Barbonchielli - E mail: claudiolippi951@vodafone.it


"NISSAN X TRAIL": PROBLEMI CON IL FILTRO ANTIPARTICOLATO

Buon giorno, Vi segnalo un difetto alla mia Nissan X.Trail:-

Sono proprietario di una Nissan X.Trail anno 2007. Da subito ho riscontrato problemi al filtro antiparticolato. A regimi bassi, in particolar modo in percorsi in salita, innevati, o fuori strada, che necessitano per la tipologia di strada e di condizioni del fondo stradale, una velocità ridotta, il veicolo va in autoprotezione con potenza limitata. Ne consegue che proprio dove magari necessita maggior potenza, questa viene ridotta per tale problema. La Nissan si limita a sostenere che non vi è possibilità di intervenirne se non quello consigliato dal libretto di istruzioni di pulire il filtro con la procedura indicata ovvero portare per un bel tratto di strada, il motore ad alti regimi. Cosa che è fattibile solo in autostrada. Ma come si può effettuare tale operazione se ci troviamo in montagna o in un percorso fuori strada? E' improponibile. Mi sono anche attenuto ai consigli di un'officina Nissan, nel sostituire l'olio motore dedicato a questo motore con filtro antiparticolato, eseguendo anche la pulizia forzata con specifico strumento. Ma purtroppo il risultato rimane sempre quello. A questo punto ritengo, con grande dispiacere, che questo veicolo non è idoneo a percorsi normalmente percorribili con un normale Suv

Giampaolo Usanna - E mail: usanna.gp@tin.it


"FIAT 500": PROBLEMI ALLA VERNICE E PESSIMO SERVIZIO DI ASSISTENZA POST-VENDITA

Possiedo una nuova 500 Fiat dell'ottobre 2008 colore blu (pastello), a luglio di quest'anno lascio l'auto in parcheggio e dopo qualche ora la ritrovo con un regalo di un volatile sul tetto. Asportato immediatamente l'escremento con acqua con grande sorpresa scopro che la vernice è scomparsa e lasciando la lamiera nuda su una superficie grossa come una moneta da 2€.
L'assistenza clienti Fiat contattata telefonicamente, sentita descrizione del reclamo, senza proporre un controllo diretto liquida l'accaduto come causato da un "agente esterno" quindi non riconducibile alla responsabilità del costruttore, tenendo anche conto che le vernici utilizzate da Fiat, seppur ad acqua, sono di ottima qualità . 
In sostanza secondo Fiat il caso sarebbe allo stesso tempo: "possibile" trattandosi di vernice ad acqua; "anormale" perché la dissoluzione della vernice normalmente non avviene; "eccezionale" per l'acidità dell'escremento specifico (senza alcuna prova diretta); e se invece le caratteristiche di quella vernice o della verniciatura fossero inadeguate, se il fenomeno dovesse ripetersi in altri punti?
Quale garanzia avrei di non ritrovarmi con un mezzo anagraficamente nuovo ma ridotto ad un colabrodo?  
Rendendo pubblica la mia esperienza vorrei segnalare innanzi tutto il pessimo servizio assistenza post vendita della Fiat che tratta i clienti come un
call center di infimo livello e l'anomalia specifica che ritengo possa coinvolgere altri clienti della stessa casa automobilistica.
Grazie per l'attenzione. Saluti. Fabio Piovesana - E mail: aodrfp@tin.it


DELUSIONE TOTALE PER UNA "BMW X3" DI OLTRE 42.000 EURO

Gentili Signori, 3 anni circa fa, conducendo una vita abbastanza frenetica (lavorativamente parlando), decido di acquistare un'auto nuova come soddisfazione personale: BMW X3. Non l'avessi mai fatto!! Nonostante i sacrifici per l'acquisto (poco più di 42.000 euro) ha inizio il lungo calvario che ancora oggi va avanti: guasti ripetuti uno dietro l'altro, sostituzione della turbina (2volte), sostituzione filtro antiparticolato, sostituzione di tutto l'impianto di scarico, sostituzione del convertitore pr, silenziatore, e tanto tanto altro ancora!!
Si pensi che ad oggi l'auto ha quasi percorso più km sul carro attrezzi che su strada! in effetti ha solo 49.000 km percorsi in 3 anni e mezzo. Problema: tra qualche mese mi scade la garanzia...cosa devo fare ?? La patata bollente non l'ho messa io sul mercato e non voglio assolutamente tenermela!! Abitando in un piccolo paesino, tutti oramai conoscono i problemi della mia auto avendola vista molto molto spesso sui vari carro attrezzi e, ovviamente nessuno mai si sognerebbe di comprarmela..Proprio oggi, (ovviamente l'auto è nuovamente in assistenza, gli interventi ormai non si contano più), ricevo una telefonata da bmw e mi comunicano che la sostituzione del "volano della frizione" (a soli 49.000 km percorsi) non rientra in garanzia quindi, mi chiedono circa un migliaio di euro per sistemarmi "il bidone" di auto.
Cosa devo fare? Datemi una mano...possibile che non ci sia un rimedio a questa situazione?? Ho acquistato un'auto nuova con un marchio di prestigio che non vale nulla !!!

Bari - Donato Mastronardi - Tel. 339 5046972 E-mail: donatomastronardi@yahoo.it


"SUBARU IMPREZA GPL": PROBLEMI A CATALIZZATORE, CENTRALINA E CONDIZIONATORE

Ho acquistato una  Subaru Impreza 3^ serie 2.0 GPL circa due anni fa ed ho percorso 45.000 Km  prevalentemente in autostrada.
I primi tempi l’autovettura passava da GPL a benzina senza motivo; in officina diagnosticarono la necessità di una messa a punto dell’impianto a gas, ma ci vollero due interventi separati per la definitiva sistemazione dell’inconveniente.
Dopo circa 1 anno l’autovettura cominciò a perdere potenza (sia a gas sia a benzina); all’inizio si pensò nuovamente ad un problema
all’impianto, ma successivamente fu diagnosticato un difetto al catalizzatore, che fu sostituito provvisoriamente con un usato proveniente da un altro modello Subaru. Con il catalizzatore sostituito l’autovettura andava finalmente bene.
Il nuovo catalizzatore non arrivò mai e dopo circa sei mesi, a seguito dei miei ripetuti solleciti fu rimontato quello vecchio che nel frattempo era diventato perfettamente funzionante; a seguito di una lettera inviata da Subaru Italia a tutti i proprietari, fu invece rimappata la centralina elettronica che era stata individuata, con grave ritardo, come la causa dei difetti di funzionamento del catalizzatore.
Il giorno 14 Luglio 2010 è stata la volta dell’aria condizionata.Il primo giorno utile, il 19 Luglio 2010 mi sono recato presso
l’assistenza dove è stata diagnosticata la rottura del compressore del condizionatore. Naturalmente il pezzo non era disponibile. Ho dovuto
aspettare il 23 Agosto 2010 ed il rientro dalle vacanze per la relativa sostituzione. Nel frattempo ho viaggiato al caldo con i
finestrini aperti.
Morale: credevo di aver acquistato un’autovettura nota per la sua affidabilità ignaro che invece mi sarei trovato a rimpiangere le mie vecchie  Honda, Audi, Wolkswagen, …perfino Fiat, che in 20 anni di onorato servizio non mi hanno mai creato problemi del genere.
Sarà solo sfortuna?! Un saluto a tutti.
Roberto Sandon - Verucchio (RN) - E mail: roberto.sandon@gmail.com 


LA FIAT DOVREBBE EMETTERE UN RICHIAMO UFFICIALE PER DIFETTO ALLO STERZO DELLA "LANCIA Y"

Buongiorno a tutti, sono Carlo Greguoldo, "diversamente abile" e volevo solo fare un raffronto tra la poca serietà di Fiat e la correttezza di Toyota nei confronti dei loro clienti: sono in possesso di una Lancia Y immatricolata nel novembre 2005, premetto che guido col cambio automatico e la centralina con i comandi al volante; a fine 2009 lo sterzo ha cominciato ha darmi problemi (volante che oscillava stranamente) finchè a un certo punto ha cominciato a fare un rumore pazzesco.
Mi sono recato all'officina che mi ha modificato l'auto, dove il titolare mi ha consigliato di andare direttamente all'officina Lancia, perchè non era il primo caso che si verificava e di provare a sentire se il difetto (kit servosterzo) potesse essere in qualche modo sostituito "in garanzia". In sostanza vado all'officina Lancia, dove subito mi rendo conto che già dai dati del libretto, all'accettazione capiscono che si tratta appunto del kit difettoso: chiaramente la garanzia è scaduta e lo capisco benissimo, tant'è che a riparazione effettuata l'officina, a sua discrezione, mi applica un piccolo sconto. Ma io dico: "Non farebbe più bella figura Fiat a richiamare le auto come fa Toyota, anche a scapito del nome del marchio?". Oltretutto poco tempo dopo un mio amico ha portato la sua Panda 4x4 a fare il tagliando e il kit in questione è stato sostituito in garanzia...non aggiungo altro. Comunque ho deciso che questa sarà la mia ultima auto del gruppo che ho acquistato.
Saluti. Carlo Greguoldo, via Perosi 44, Andorno Micca ( BI ) cell. 3337561718 - E mail: carlogreguoldo2009@libero.it


STERZO BLOCCATO IMPROVVISAMENTE AD UNA "FIAT PUNTO EVO"

Redazione di:Repubblica Motori; Corriere Motori; Mondomotori.com; Spaziomotori.it; La Stampa motori; Motori.it

Salve, sono una proprietaria di una FIAT PUNTO EVO, immatricolata a fine Febbraio 2010 e che il 16 agosto 2010, mi ha lasciato a terra a causa di un problema tecnico non da poco!

Il volante dell’auto registrava già da qualche tempo un problema nella sterzata, che poi ha determinato il blocco completo del volante. In fase di manovra di parcheggio (e per fortuna non su strada!) lo sterzo si è bloccato come se fosse stato inserito il bloccasterzo, e con esso chiaramente le ruote!

Una volta rimasta a terra a Bari, ho contattato il Servizio FIAT (Num. Verde 800342800) per il soccorso stradale; ho eseguito la procedura comunicatami; la macchina è stata prelevata dal soccorso ACI, ma con quale destinazione? Essendo tutte le concessionarie FIAT in ferie, la mia auto è andata in un deposito di Bitritto (BA), in attesa di apertura della prima concessionaria disponibile! Il giorno 23 agosto la macchina è stata portata alla più vicina concessionaria aperta (Modugno - BA): qui hanno “riparato” la mia auto ed il giorno seguente, il 24 agosto, mi hanno restituito la vettura. Una volta in macchina ho subito controllato se ci fosse ancora il difetto: lo sterzo era stato sbloccato, ma il difetto preesistente c’era ancora! Sicché mi sono recata presso la concessionaria da cui ho acquistato la macchina, dove mi hanno confermato che all’auto non era stato riparato assolutamente nulla e che l’intero sterzo era da sostituire in quanto difettato dalla produzione!

Ora sono in attesa del pezzo di ricambio e della riparazione della macchina, ma sempre senza una vettura sostitutiva! Sì, perché in tutto questo, la sottoscritta proprietaria dell’auto è stata lasciata a terra!

A questo punto, mi chiedo qual è l’assistenza fornita alla clientela?

1. Come si può fornire assistenza al cliente, se tutte le concessionarie della zona sono in ferie? La FIAT non pensa che sarebbe opportuno organizzare una politica che consenta di disporre sempre di un servizio di assistenza? Invece di lasciare dei periodi di vuoto completo, in cui l’assistenza al cliente è totalmente assente!?

2. La politica FIAT consente di ricevere un’auto di cortesia dalla concessionaria, ma quando ciò non è possibile si rivolge alle agenzie di auto-noleggio. La peculiarità è che il rapporto che si instaura è tra il cliente e l’agenzia: la FIAT si esime dal garantire al cliente l’applicazione di determinate condizioni del contratto di auto-noleggio. Pertanto, l’agenzia è libera di applicare tutte le condizioni restrittive che vuole, quali chilometraggio limitato, cauzione da versare soltanto con carta di credito collegata al conto corrente (non ricaricabile), come se il contratto fosse tra agenzia e cliente: la FIAT sparisce in questa fase di ASSISTENZA! Altre case automobilistiche compaiono direttamente nel rapporto con l’auto-noleggio.

3. L’assistenza fornita dalle concessionarie su auto soccorse col carro attrezzi hanno per caso un trattamento differente da quello riservato a quelle acquistate direttamente dalla stessa concessionaria? Non si spiega diversamente il modo in cui hanno trattato, fingendo di riparare la mia auto a Modugno (BA)!

Con la presente, voglio esprimere tutta la mia insoddisfazione dell’assistenza fornita e del servizio che mi è stato prestato. Inoltre, faccio presente che ho dovuto sostenere tutta una serie di costi aggiuntivi per potermi recare sul posto di lavoro, abbastanza fuori mano e raggiungibile agevolmente solo con la macchina, cercando delle soluzioni di giorno in giorno per colmare questo Vostro grosso disservizio.

A ciò si aggiunga che sto valutando gli ulteriori rischi che ho corso, nell’eventualità che questo difetto si fosse verificato con l’auto in corsa.

E mail: danyrec@hotmail.com


"DERBI GP1 250" INIEZIONE: DELUSIONE PER EVIDENTI DIFETTI

Spett.le redazione ho acquistato questa "moto" molto sportiva ma la sconsiglio a tutti per i motivi sotto indicati che ho avuto personalmente e per altri che sto leggendo nel web.
Probabilmente è stata progettata ma mai testata, il test spetta a noi poveri acquirenti che investiamo soldi in una moto che non dà sicurezza e soddisfazione.
Cronologia Avvenimenti:
4/05/2010 IMMATRICOLAZIONE
6/05/2010 CONSEGNA MOTO dopo qualche giorno le FRECCE DX e SX, lo STOP E il CODONE presentano fragilità e rotture non presenti all'acquisto in officina si viene a conoscenza da pc che sono parti difettose vizi di fabbrica infragilite dalle vibrazioni e che la sostituzione non potra' comunque risolverne il problema dato che si continuano a rompere.
11/05/2010 1° TRAINO CON CARRO ATTREZZI PER INTERVENTO (la Gp1 va a singhiozzo poi si spegne e non riparte
13/05 1 consegna in seguito alla riparazione dell'iniettore.
22/05/2010 TAGLIANDO E SOSTITUZIONE FRECCE CODONE (SENZA ADESIVI E STOP)
24/05/2010 2° TRAINO CON CARRO ATTREZZI PER INTERVENTO (la Gp1 va a singhiozzo)
26/05/2010 DOPO 2 GG DI DEPOSITO presso sede del carro attrezzi viene consegnato in officina.
03/06/2010 RITIRO MOTO: con iniettore sostituito di nuovo i parametri del motore erano sballati si capisce che l'iniettore sbatte contro scocca e si rompe con le vibrazioni.
16/06/2010 TRAINO IN OFFICINA (La Gp1 va a singhiozzo)
18/06/2010 RITIRO MOTO RIPARATA (il sottosella rimane aperto per evitare Di far sbattere l'iniettore e si ordina il pezzo modificato da sostituire)
18/06/2010 dopo pochi km riporto con andatura a singhiozzo la moto in officina.
26/06/2010 RITIRO LA MOTO RIPARATA (il sottosella che arriva è identico a quello originale, viene tenuto l'originale e l'iniettore in via sperimentale viene montato in maniera differente dalla progettazione d'origine cosi' che io devo testare la moto per vedere se continuera'.. chissa' per quanto A FUNZIONARE)
07/08/2010 mi rendo conto che il serbatoio della benzina perde devo ancora verificare quale sia il problema dato che i concessionari son chiusi in questo periodo.

Dalla casa madre son stato contattato solo per dirmi di andare dal concessionario ma è evidentissimo che i problemi non sono risolvibili con la sola riparazione dato che si ripropongono a distanza di tempo.
Altre problematiche sono LE VITI DI FISSAGGIO SCOCCA si continuano a svitare e GLI SPECCHIETTI a buche mediamente profonde a velocità sostenuta si spostano soli dallo snodo e non dal bullone che è ben stretto E I FRENI STRIDONO da dar fastidio dopo aver percorso gia' 1600 km secondo loro dovrei percorrerne dieci volte tanto per far si che non stridano piu'.
Attualmente noto un calo di prestazioni, la ripresa è differente dall'acquisto, non ho adesivi nell'istallare le parti le carene sono rigate la marmitta idem grazie a chi m'ha trainato il mezzo.
Inutile dire che pur essendo un bel mezzo ha una progettazione superflua estetica e meccanica e materiali scadenti.
Sono in corso indagini dalla federconsumatori e si arriverà legalmente.

E mail: zapaline@live.it


TROPPI DIFETTI PER UNA "FIAT GRANDE PUNTO"

Quattro anni fa ho avuto la brillante idea di comprare una Fiat grande punto; il primo giorno si è accesa la spia della batteria e il volante non girava sono andato avanti un anno e mezzo mi è stata cambiata mezza macchina mi sono rivolto al ad consum, poi per caso un officina di S.donà di Piave ha trovato il difetto. Adesso stavo percorrendo l' autostrada di colpo l'auto si è spenta in corsa con le auto che sopraggiungevano da dietro; potete immaginare che casino, non comprerò mai più Fiat. Ciao Sante.

E mail: santebo@alice.it


HO SUBITO UN FURTO AUTORIZZATO! RIPARAZIONE "CARA" A "BMW SERIE 3" MA IL PROBLEMA RESTA

Possiedo una BMW serie 3 coupè del 2002, tenuta in ottimo stato, ma con impianto GPL....

Il mese scorso l'auto ha iniziato a farmi un paio di difetti ben distinti. Decido allora di portarla nel concessionario BMW della mia zona, non volendomi fidare di un qualunque meccanico generico. A parte una settimana solo per l'appuntamento, una volta lasciatagli la macchina, me la ridanno dopo circa due settimane e 490€ di spesa, con solamente pulizia degli INIETTORI effettuata. Provo l'auto e con sorpresa mi accorgo che i due difetti esistono ancora. Il giorno seguente la riporto in concessionario lamentandomi e parlando coi vari responsabili del SERVICE...Mi assicurano che risolvono i problemi, gliela lascio e la riprendo dopo un'ulteriore settimana e altri 120€ per sostituzione CANDELE!! E siamo a quota 610€. Provandola, e questa volta con grande incazzatura vedo che i difetti non sono stati ancora risolti, esistono entrambi, non hanno risolto niente!!!! Molto in collera vado in BMW reclamando un rimborso, anche solo della metà della cifra, ma non trovo soddisfazione. Parlo col titolare, che non vuole sentire ragioni! Dà la colpa all'impianto a GPL, ma non ammette la loro SCARSA PREPARAZIONE nel risolvere i difetti non segnalati dal computer!!! Ora mi ritrovo con 600€ in meno e l'auto come prima, coi suoi 2 difetti!!!! Cosa dovrei fare secondo voi?????????

Stefano Carducci - 03100 FROSINONE cell 328/7432577 stefanocarducci@aliceposta.it


"MAZDA 6": DIFETTO IRRISOLTO AL MOTORE. IL CLIENTE FA CAUSA

Salve, Vi scrivo per segnalarvi un difetto ed una mancata assistenza della mia Mazda 6, acquistata presso la concessionaria GIR.GI. 2 di Roberto Capitelli con sede in Napoli.

Prima di effettuare il primo tagliando previsto a 10.000 Km, mi recavo presso la concessionaria GIR.GI.2 e comunicavo che l'autovettura presentava il livello dell'olio motore aumentato notevolmente, questo aumento del livello era dovuto al fatto che il gasolio si infiltrava nel motore, con conseguente fuoriuscita dell'olio dal motore.

Questo difetto dopo numerosi interventi non è mai stato risolto da parte della mazda, con notevole aggravio di spese da parte mia in quanto devo cambiare l'olio ogni 2000 Km, (la casa costruttrice prevede il cambio d'olio ogni 20.000 Km) l'autovettura è praticamente inutilizzabile in quanto ogni 2.000 devo chiamare l'intervento del soccorso stradale per portarla in officina Mazda per la fuoriuscita dell'olio e del gasolio dal motore, l'autovettura inizia a decelerare quando il livello del gasolio aumenta nell'olio motore.

Ho citato in giudizio la concessionaria Mazda GIR.GI. 2 sostenendo anche spese legali.

Al momento sono in attesa di giudizio.

Cordiali saluti - Ponticiello Santo - E mail: car1972@live.it


"SUZUKI GRAN VITAR": IN 3 ANNI E MEZZO TROPPI PROBLEMI

Buongiorno nel dicembre 2006 ho acquistato il nuovo modello della Suzuki Gran Vitara al prezzo di 28.000 €.
Le segnalo la sua storia:
- 4 richiami ufficiali della suzuki in 3 anni per sostituzione pezzi
- a 35.000 km (1.5 anni) rottura dei cuscinetti cinghia e sostituiti in garanzia
- a 45.000 km (2 anni) rottura totale del cambio e sostituito in garanzia
- a 68.000 km rottura della farfalla dell'acceleratore; garanzia finita e 800 € di spesa
- a 73.000 km rottura nuovamente dei cuscinetti della cinghia e altri 200 € di spesa.
Avrei voluto scrivere questa mail alla suzuki ma nel proprio sito esiste solo il numero verde (perlomeno io ho trovato solo quello).
Direi che questa situazione e' inaccettabile per una macchina di 3 anni e mezzo con 75.000 km sopratutto alla luce del costo in acquisto.
Per quanto mi riguarda con la Suzuki ho chiuso e appena avro' le possibilita' economiche mi apprestero' a cambiare autovettura.
Mi piacerebbe pero' avere una risposta o dei chiarimenti da parte della Suzuki sulle problematiche che ad oggi la mia autovettura ha avuto.
Tra le altre cose gli ultimi due interventi sono stati effettuati con pezzi di ricambio modificati rispetto all'originale (cuscinetti in acciaio e non piu' di plastica,; la farfalla dell'acceleratore o per essere chiari il pezzo che la contiene e' rivestito da una guaina che non fa entrare acqua). Questo sta' a significare che probabilmente prima di me altri clienti hanno avuto le stesse problematiche. Solo che chi paga e' sempre il consumatore finale!!!
Distinti saluti - Bardella Michele - E mail: michelebardella@libero.it


"CHEVROLET AVEO": I DISCHI FRENO TARDANO AD ARRIVARE

DALLA MIA PRIMA RICHIESTA DI SOSTITUZIONE DEI DISCHI DEI FRENI ANTERIORI OVALIZZATI (VERIFICATO DAL CAPO OFFICINA CHEVROLET DELLA MIA ZONA, SANTA MARIA CAPUA VETERE) ALLA MIA CHEVROLET AVEO LT ECOLOGIC ANNO 2009 (PREZZO DI LISTINO 15.000€) CON APERTURA DELLA PRATICA DI SOSTITUZIONE IN GARANZIA, VERSO LA META' DI DICEMBRE, PASSATE LE FESTE NATALIZIE, IL 12 GENNAIO, NON AVENDO AVUTO RISPOSTA, RICHIAMO IL NUMERO VERDE CHEVROLET RIFERENDO CHE SI SCUSAVANO E CHE I DISCHI ERANO DISPONIBILI IN 15 GIORNI. PASSATI I 15 GIORNI RICHIAMO PER AVERE NOTIZIE IN MERITO, MI RISPONDONO (BARBARA) CHE HANNO AVUTO UN PROBLEMA DI CONSEGNA E CHE RISOLVERANNO IL TUTTO IN 20 GIORNI.
DA PRECISARE CHE LA MIA AUTOVETTURA A 100 KM/H NEL FRENARE BALLA TUTTA. PER LAVORO PERCORRO 100 KM AL GIORNO, PENSATE AL DISAGIO CHE E' TALE DA NON POTERLA USARE.-
POSSO CAPIRE TUTTO I DISAGI E GLI INCONVENIENTI MA SE NON CHIAMO IO PER AVERE NOTIZIE IN MERITO NON VI DEGNATE DI COMUNICARE CON IL CLIENTE, E POI E' MAI POSSIBILE CHE IN TUTTA ITALIA, EUROPA COMPRESA, NEL PIENO DI UNA ECONOMIA GLOBALIZZATA, E' COSI DIFFICILE SPOSTARE UN PAIO DI DISCHI DA UNA ZONA ALL'ALTRA.
CLIENTE CHEVROLET PENTITO! CHE ASPETTA DA 40 GG. CIRCA E CHE DOVRA' ASPETTARE ALTRI 20 GG. PER POTER UTILIZZARE LA PROPRIA AUTOVETTURA IN GARANZIA! NON PER PROBLEMI GRAVI MA SEMPLICEMENTE PER AVERE I PEZZI DI RICAMBIO (DISCHI FRENI ANTERIORI)! DISTINTI SALUTI. NICOLA DEL VECCHIO - PIGNATARO MAGGIORE (CE) - E mail: nicola.delvecchio@alice.it


ODISSEA BRUTALE

Caro Direttore, con la presente vorrei esprimere tutta la mia insoddisfazione per l’assistenza fornita alla clientela da parte dell’Ufficio Garanzia di MV Agusta, in quanto imbattutomi in un acquisto, che si  è rilevato subito sfortunato, di una BRUTALE 1090RR. Ed è mia ferma intenzione rendere pubblico quanto accadutomi.

Al momento del ritiro della moto, avvenuto nel mese di settembre 2010 c/o concessionario ufficiale Osellini di Piacenza, mi accorgo di quanto segue:

1)    strumentazione difettata: vibrazioni della lancetta del contagiri, oltre che presenza di un difetto estetico nel quadro del display;

2)    imperfezioni di verniciatura del fianchetto serbatoio sinistro;

3)    vibrazioni allo specchietto sinistro;

4)    profondo taglio al para tacco sinistro.

Il concessionario, avviando subito le pratiche per la garanzia e considerando i tempi di consegna dei pezzi di ricambio nonché la mia scocciatura, mi sostituisce lo specchietto e il para tacco con quelli di un’altra moto in pronta consegna. È doveroso precisare che lo specchietto sinistro viene sostituito ben due volte, in quanto anche il primo che è stato montato presentava le medesime vibrazioni.

Alla soglia del primo tagliando (1.000 KM) emerge un altro problema. All’altezza dell’unione del basamento motore ci sono perdite di olio tanto da far rimanere macchie di olio a terra. Porto subito la moto dal concessionario, il quale dietro indicazione di MV (che ha riscontrato altri casi analoghi in altre moto) constata che le perdite di olio derivano da una guarnizione difettata nel motorino di avviamento.

Successivamente arrivano da MV il fianchetto serbatoio sinistro e una nuova strumentazione di ricambio che, contemporaneamente all’effettuazione del primo tagliando, mi vengono sostituite in garanzia. Noto tuttavia con rammarico che mi sono stati azzerati i Km percorsi, ma la cosa che mi fa molto irritare è che la strumentazione che è stata sostituita presenta esattamente i medesimi difetti della precedente: vibrazioni della lancetta del contagiri e quadro del display difettato. Il concessionario fa avviare nuovamente la prassi per la garanzia, ma questa volta l’Ufficio Assistenza Tecnica di MV non ne vuole sapere di sostituire la strumentazione, in quanto, secondo le loro testuali parole, “il cruscotto rientra nei canoni di qualità MV Agusta quindi non da sostituire perché già cambiato una volta”.

Vi sarei davvero grato se pubblicaste la presente, la quale esprime amarezza ed incredulità per tale atteggiamento da parte di un marchio italiano così prestigioso che fa della cura maniacale del dettaglio un elemento distintivo, e si pone tra gli obiettivi qualità e servizio a “cinque stelle” ai propri motociclisti.  Lascio a Lei ed ai Suoi lettori ogni considerazione su quanto accaduto. Grazie per la Sua attenzione ed il Vostro contributo. Cordiali saluti. Massimo Brambati, Codogno (Lodi) - E mail: massimo.brambati@coldiretti.it


CAMBIO AUTOMATICO ROTTO 3 VOLTE AD UNA "WV GOLF 1.9 TDI"

Ho acquistato nel novembre 2008 una WW Golf 5 1.9 tdi trndline con cambio automatico DSG 7 marce.

Ad oggi ho percorso 54.000Km e per tre volte ho avuto la rottura del cambio automatico due volte in garanzia e l’ultima appena scaduta la stessa.

Ho subito un fermo macchina di circa un mese e mezzo senza auto sostitutiva. Sconsiglio vivamente di acquistare una Volkswaghen sia per il trattamento ricevuto che per l’affidabilita’ della vettura.

Cordiali saluti - Mario Sodano - E mail: mario.sodano@waynet.it


"FIAT GRANDE PUNTO": PROBLEMI APERTURA PORTIERA POSTERIORE

Salve vorrei sottoporLe il mio caso riguardo ad un problema della Fiat Grande Punto. In breve , già all'acquisto il meccanismo di apertura porta posteriore sx dell'auto non funzionava . Sono stato più volte in concessionaria ma da oltre 4 anni non ne vengo fuori. Ho esaurito le ultime scorte di pazienza. A questo punto vorrei agire legalmente, ma non so come districarmi . Vi chiedo, visto i numerosi casi che affrontate, dei consigli per obbligare il concessionario (o Fiat auto ) a ripristinare il meccanismo in modo risolutivo.

Cordiali saluti. Biagio Tucci - Potenza - Tel. 320 4060242 - E mail: biagio_tucci@teletu.it


"BMW 335 I" - M SPORT COUPE' CON 2 CERCHIONI DA BUTTARE A 23.000 KM.

Buona sera, mi chiamo Del Negro Ivano e da aprile 2010 sono possessore di una splendida Bmw 335 I m sport coupè. (un usato di giugno 2008 con 23.000 km acquistata presso la Vanti Group di Bologna) Da poco + di un mese mi si accende la spia della pressione dei pneumatici che regolarmente sistemo fermandomi dal gommista, cosa di poco conto in quanto potrebbe essere una semplice foratura.
Ma la cosa si fa molto + insistente nel senso che mi obbliga a fermarmi ogni 2 giorni. A questo punto prendo appuntamento con la concessionaria, dal momento che dovevo sistemare alcune piccole cose, la quale mi visiona il problema e mi comunica, con mia grande sorpresa, che il problema non è dovuto ad una semplice foratura ma dalla rottura di un cerchione (visibile con delle piccole fessure all’interno del cerchio stesso); con molta professionalità mi fanno vedere che anche l’altro cerchione presentava le stesse fessure (sto parlando dei due
cerchioni posteriori) e mi dicono che l’unico sistema è quello della sostituzione.

Ovviamente non hanno saputo dirmi la motivazione di tale grave danno, (infatti stiamo parlando di cerchioni da 19 m sport) si sono solo limitati nel dirmi che una delle cause poteva essere la presenza di grosse buche in strada. (questo sicuramente non è il caso mio, forse del precedente proprietario). Ho sentito un mio carissimo amico (20 anni dirigente in bmw, ora nn lavora + in bmw ma è sempre nel settore) il quale mi dice che di recente si erano verificati difetti proprio su cerchioni con diametri grandi e gomme da 255 (il caso mio); potrebbe essere proprio un difetto del cerchione dal momento che io non ho avuto nè sinistri ne tanto meno urti così considerevoli da provocare un danno del genere???? Mi sembra veramente strano che una macchina di 2 anni e mezzo abbia ben 2 cerchioni da buttare!!!!!! MI SAPETE DIRE SE QUALCUNO HA AVUTO LO STESSO PROBLEMA???? OPPURE SE VOI DELLA REDAZIONE AVETE GIA’ TRATTATO UN CASO SIMILE?????
E mail: ivanodelnegro@libero.it


"CITROEN BERLINGO 1.6 HDI": L'AUTO ORDINATA NON ARRIVA

Buongiorno a tutti.

Volevo acquistare un’auto e precisamente una Citroen Berlingo 1.6 HDI 110 FAP XTR THEATRE appr. 4 ruote, presso la Concessionaria Citroen di Pascucci Domenico a Foligno, segnalatami da mio cognato per gli sconti applicati. Vivendo a Roma ho richiesto sia via filo che via mail un preventivo e successivamente un contratto di acquisto. Detto contratto, il cui invio è stato promesso più volte non mi è mai pervenuto ed ho dovuto sottostare a "firmare" il predetto preventivo senza peraltro richiesta di versare importo alcuno.

L'auto è stata "ordinata" da me in data 28 settembre per essere ritirata, dietro mia espressa richiesta, nella prima settimana di gennaio 2011. Il venditore dichiarava via mail che l'auto sarebbe a lui pervenuta già dalla terza settimana di novembre ma successivamente la data veniva progressivamente spostata fino a quando interpellata via filo e via mail la Citroen Italia,  mi dichiarava, solo per telefono, che l'arrivo dell'auto è previsto per la metà di marzo......manco avessi ordinato una Ferrari...... Nel frattempo dovendo tra l'altro partire, il venditore mi prometteva sfacciatamente ed anche via mail che mi avrebbe fornito, presso il mio domicilio, una Citroen C Crosser come auto di cortesia che ad oggi non mi è stata consegnata. Stanco di essere preso in giro ho inviato una mail dove dico che a causa di inadempienti e disdicevoli comportamenti non ho più intenzione di acquistare l'auto.......vediamo come andrà a finire........  

Ho sintetizzato al massimo ma ho tutta la documentazione mail che se volete sono disposto a fornirVi.

Grazie. Stefano Bernacchia  - Roma - Tel. mobile: 3391928469 - E mail: berni60@tiscali.it


IN 3 ANNI TURBINA ROTTA 2 VOLTE AD UNA "BMW 320 D"

Senza dilungarmi in lunghe riflessioni, segnalo che acquistata una BMW 320 D nel 2007 una vettura da 40000 euro, dopo 1,5 anni ha subito rottura della turbina, ora dopo altro 1,5 anni siamo allo stesso punto.
La cosa incivile è che lasciamo alle case madri la possibilità di NON riparare i guasti, e ancor più incredibile, che NON gl'imponiamo di risolvere questi vizi.
Buona sera. Longo Marco - E mail: marco.longo@gf-group.eu


AVARIE CONTINUE AD UNA "RENAULT ESPACE PRIVILEGE 2.2 CDI"

Continue Avarie autovettura Renault Espace Privilege 2.2  CDi (Km  percorsi circa 90.000) acquistata nell’Agosto del 2005 NUOVA.

Ho acquistato l'autovettura (la definirei più un bidone che un'autovettura) in questione nell'agosto del 2005 e in questi 5 anni tenendo conto che ho effettuato tutti i dovuti controlli e tagliandi alle scadenze previste e sempre presso officine autorizzate Renault vi descrivo cosa mi è capitato:

- dopo pochi mesi mentre ero alla guida l'auto si è impiantata di colpo restando completamente bloccata (problema elettrico risolto dopo circa 4 giorni);

- qualche settimana dopo ho avuto problemi con l'alza vetro porta posteriore dx.( sostituito motorino in garanzia);

- dopo circa due anni mi hanno sostituito in garanzia nr. 4 cerniere ferma porte perchè rumorosi, adesso sono peggio di prima;

- si rompe in continuazione sia il supporto del motore (alla fine mi sono arreso e ho preferito saldarlo che sostituirlo) che il coperchio di plastica che copre il motore;

- dopo 3 anni e pochi mesi e neanche 70.000 KM, quindi finita la garanzia, comincia il bello salta la turbina provocando molti danni al motore e considerando che avevo da poco effettuato il tagliando dei 60.000 KM ho dovuto non solo sostituire nuovamente olio e filtri, pulire il motore e l'impianto di aspirazione ma sostituire il coperchio in ghisa del motore che si era crepato (qui la renault mi ha riconosciuto un'indennità di euro 700,00 ma obbligandomi a sostituire la turbina con una rigenerata renault e quindi pagarla di più rispetto ad una di concorrenza e non mi ha dato la possibilità di tenere quella rotta ovvio la mia la rigenerano e la rivendono e così pareggiano il costo sostenuto per l'elemosina fattami);

- dopo qualche mese si sono rotti a distanza di qualche settimana l'uno dall'altro 3 motorini alza vetri (costo di ogni motorino circa 300,00 euro) lato guida, lato passeggero anteriore e nuovamente quello posteriore già sostituito in garanzia;

- mi è capitato anche di avere un'infiltrazione d'acqua piovana all'interno dell'abitacolo che proveniva dal terzo stop, qui me la sono cavata con una siliconata;

- dopo altri 11 mesi l'auto non andava per niente bene e dopo continue lamentele presso un'officina renault mi hanno detto che bisognava sostituire gli iniettori (da premettere che sin dall'inizio l'auto immetteva ad ogni accelerata un pò più profonda del solito una fumata nera da spavento) fatto anche questo dopo neanche una settimana ha cominciato a fare i capricci la frizione ovviamente ho dovuto sostituirla;

La perplessità dei troppi guasti nasce dal fatto che l’autovettura in questione la famosa monovolume ESPACE è stata acquistata nuova e che percorre pochi chilometri annuali circa 18.000 e che ai miei continui reclami fatti sia telefonicamente che via mail alla data odierna dopo circa 4 mesi sono in attesa di un contatto e di qualche spiegazione da parte della Multinazionale Renault , penso che sia il minimo dopo aver speso 35.000 euro per acquistarla e circa 5.000 in due anni per le ripetute riparazioni.

Inoltre la delusione è ancora più forte considerato l’inesistente interessamento da parte del concessionario che mi ha venduto l’autovettura che di fronte a questa situazione e alla mia richiesta di mediazione con la Renault mi hanno risposto che sia loro che l’ispettore di zona non possono far nulla, se penso che nel 2005 quando mi sono presentato per chiedere un preventivo d’acquisto mi hanno steso il tappeto rosso. Ora capisco qual’è il valore delle autovetture Renault se viaggia di pari passo con la scelta a chi viene affidata la loro vendita e la velocità con cui si prodigano a rispondere ai clienti insoddisfatti che come me si sono ritrovati tra le mani non un’auto ma bensì una fregatura. Certamente non era questo l’umore con cui qualche anno fa ho affrontato l’acquisto di questa autovettura che viene costruita da tanti anni ormai ed è considerata il top della gamma ma evidentemente visto quello che mi è successo e le lamentele che girano sulle RENAULT mi sono sbagliato!

DI LEO Gioacchino - Ronchis (UD) - Tel. 340/3448387 - E mail: ninodileo66@gmail.com


AVARIA ALLO STERZO DELLA "LANCIA YPSILON" FUORI GARANZIA

Buongiorno, Vi scrivo per segnalarvi la mia delusione ed incredulità per l'esperienza avuta con il gruppo Fiat.
Il mio problema riguarda l'avaria dello sterzo della mia Lancia Ypsilon 1.3  multi jet acquistata nell'ottobre 2007. Alcuni giorni fa mentre mi stavo immettendo sulla rampa per l'ingresso in autostrada lo sterzo si indurisce e poi si blocca, dopo un paio di secondi tutto torna a posto. Esco dall'autostrada sono nel bel mezzo di una rotonda e di nuovo stessa cosa. Porto l'auto in officina e ancora prima di terminare la mia esposizione il meccanico mi dice che quello che stavo descrivendo era il tipico difetto di quell'auto,dopo il controllo conferma e mi dice che l'alternatore deve essere sostituito.
Mi informo, chiedo,navigo in internet e con mio grande stupore mi rendo conto che ci sono un sacco di proprietari lancia ypsilon che hanno avuto la mia stessa esperienza. Per coloro a cui il difetto si è presentato prima della scadenza della garanzia la casa si è presa carico dell'intera spesa,a chi invece la garanzia era scaduta anche solo da un mese lancia ha detto che l'avaria della sterzo non era riconosciuto come difetto di fabbricazione e che quindi non si prendeva responsabilità. A questo punto chiamo il numero verde e mi viene detta la stessa cosa!
Tramite l'officina autorizzata viene aperta una pratica che mi riconosce il 40% della spesa che deve essere effettuata presso la stessa, il meccanico capendo la mia difficoltà economica mi dice che mi costerebbe comunque meno montare un alternatore diverso rispetto a quello proposto e coperto dal 40%.
Ma com'è possibile che io debba sborsare anche solo un euro a causa di un difetto di fabbricazione? Trovo vergognoso che questa situazione continui a presentarsi nel corso degli anni , non è stata nemmeno effettuata nessuna campagna di richiamo. Questo problema si presenta a tutti presto o tardi e dal 2004 ad oggi 10/12/2010 non è ancora stato risolto! Non dipende dall'usura della macchina nè tantomeno dal cattivo o sbagliato utilizzo della stessa ma da un DIFETTO DI FABBRICAZIONE, E' PERICOLOSO!!!!!
A tutti i potenziali acquirenti della lancia Ypsilon che viene presentata in questi giorni cosa verrà detto nel momento in cui si presenterà lo stesso difetto dopo i due anni della garanzia?
Sono una cliente delusa dal gruppo Fiat, negli scorsi anni avevo già acquistato la versione precedente e l'ho consigliata a diverse persone, tutto quello che posso fare adesso è sconsigliare vivamente l'acquisto di quest'auto!!!
Spero in una vostra eventuale risposta. Saluto e ringrazio per l'attenzione.
Info contatto E mail: laura_bianchetti@alice.it


"OPEL TIGRA": PROBLEMI IRRISOLTI ALLA FRIZIONE

Buonasera, sulla mia Opel Tigra twin top cdti 1300 sport immatricolata ad ottobre 2006 e acquistata presso Opel Gerli srl  di viale Fulvio Testi 22 Milano, attualmente con Km 27.000 percorsi, dopo appena  Km 13.000 circa si e' verificata la compromissione totale del gruppo frizione nel dicembre 2008. Nessuna garanzia mi era stata riconosciuta allora dal concessionario autorizzato che me l’ha venduta e mi sono addossata il costo della sostituzione in toto per totali  E.650,00 solo disco e spingidisco. Oggi a distanza di altri esatti Km 13.000 circa si ripresenta ancora la completa distruzione del pezzo motore: frizione andata. Mi e’ pressoche' impossibile accettare le risposte del concessionario che me l'ha venduta che imputerebbe il guasto al mio stile di guida e quindi allo scorretto azionamento del pedale apposito. Le sue velleita’ di giudizio circa la mia abilita’ nel sincronizzare il piede sui  pedali non mi scoraggiano tuttavia dal ricercare risposte piu’ adeguate. Mi preme inoltre sottolineare che il ricambio attuale e’ in garanzia fino a gennaio 2011 e che il problema della frizione si accompagna alla piu’ frequente difficolta’ di utilizzo della leva del cambio tant’e’ vero che in piu’ di una circostanza non son riuscita ad innestare la prima marcia e son rimasta anche in quelle occasioni bloccata in strada: si e’ dovuto regolare la leva del cambio dopo aver messo in preventivo la spesa del carro attrezzi e
il costo della mano d’opera nei casi occorsimi E.450,00. Comprenderete come sia alquanto difficile mettere in budget un simile costo periodico anche perche’  se ipoteticamente facessi Km 50.000 all'anno come spesso capita per spostamenti di lavoro, dovrei  sostituire la frizione e affrontare i costi suddetti al cambio ogni 3 mesi: il preventivo attuale a mio carico sarebbe di E.800,00 per sostituzione disco spingi disco e rettifica del volano: puo' essere verosimile un risultato del genere su un auto pressoche’ nuova che e' costata oltre E 20.000? Vi ricordo inoltre che sia per la prima che per la seconda circostanza era fuoriuscito  fumo dal motore con fortissimo  odore tossico all’ interno dell’abitacolo e che all’officina mi era stato detto che tutto era in regola e che potevo proseguire con l’uso dell’auto senza preoccupazione alcuna. La  stessa officina ha tagliandato regolarmente l’auto ai primi km. 5000 e ogni volta ai successivi 10.000. Vi rammento che ho esperienza di guida di oltre 30 anni e che ho avuto in possesso diverse auto quali BMW, Alfa Romeo, 147, Punto Diesel sulle quali mai ho avuto problemi imputabili alla scorretto utilizzo del pedale frizione. Che abbia improvvisamente disimparato a guidare? La General Motors di Roma a seguito di intervento ha dichiarato non riconosciuta la garanzia per stile di guida errato. Infine sottolineo che al momento in cui scrivo la mia auto si trova smontata presso l’officina in questione e che sono stata informata dal capofficina che qualora non dia ordine all’avvio dei lavori e all’accettazione del preventivo a mio carico mi verranno addebitate anche le spese per i giorni di fermo.
Mi sembra di essere nel Medioevo, e mi sento perseguitata da queste persone.
Dovrei accettare ancora, sotto minaccia precisa, di ritrovarmi senza frizione fra altri km.13.000? No non me  la sento, pagare la spesa a questo punto e’ proprio un suicidio.
Devo ancora pagare 23 rate da E.300,00 e sono a piedi!! In attesa di un v/s cortese  riscontro vi saluto cordialmente.
Silvana Massidda - E mail:
silvanamassidda@libero


SEGNALAZIONE GUASTO FRIZIONE "SUBARU LEGACY"

Pregiato direttore, abbiamo avuto alcune segnalazioni di consumatori che accusano guasti alla frizione della SUBARU LEGACY, problemi che tramite un ns. perito sono stati ricondotti ad UN probabile vizio di fabbrica del gruppo frizione. Vorremmo sapere chi ha avuto analoghi problemi per valutare l’entità del difetto, nr. dei clienti coinvolti, commenti ecc. il tutto al fine di valutare un eventuale intervento all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 140 – 1° comma del codice del consumo e tutelare gli acquirenti. Se può pubblicare questa ns. richiesta per valutare l'entità del fenomeno. Grazie e cordialità.

Il presidente - Rag. Antonio TOGNONI - Coordinatore Regionale per il Veneto e Trentino A.A.

UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI - Piazza San Zeno N.30 - 36022 CASSOLA (Vicenza)

tel. 0424 571413 fax 0424 575546 E-mail info@unioneconsumatoribassano.it      Sito www.unioneconsumatoribassano.it


PROBLEMI SERVIZIO POST-VENDITA PER UNA "CITROEN DS3"

Gentile Redazione, Vi scrivo in quanto a causa di un sinistro avvenuto il 7/01/2011, mi ritrovo tutt’ oggi senza la disponibilità della mia autovettura dato che il pezzo sostitutivo (triangolo anteriore sinistro per Citroen DS3) non è disponibile, come dicono in Citroen Italia, prima di 50 giorni.

Utilizzando la macchina giornalmente per lavoro ed essendo la mia DS3 ancora coperta da garanzia, avendola acquistata nel maggio 2010, mi aspettavo un auto sostitutiva fornita da Citroen.

Come spesso accade l’autovettura sostitutiva è gratuita se il danno è causato da difetti di produzione ma, come mi aspettavo, avendo causato il danno per colpa di un sinistro, devo pagare un canone di noleggio giornaliero.

Mi sono informato e le case automobilistiche hanno dei prezzi agevolati, per le auto sostitutive, se non gratuite. Ad esempio Volvo, per i primi 10 giorni l’ auto sostitutiva è gratuita e poi costa € 2 al giorno, mentre Citroen mi chiede € 36,00 + IVA al giorno.

Dovendo aspettare minimo 50 giorni dovrei pagare € 1800,00 + IVA, ma non è una cosa possibile, in quanto la cifra da pagare è superiore al mio stipendio, senza considerare che il pezzo ha un costo di € 90.

Ora mi chiedo se sia possibile che un’ auto disponibile sul mercato da ormai un anno non abbia pezzi sostitutivi di componentistica base (quali triangoli) disponibili a magazzino.

Chiedo che questa mia disavventura sia pubblicata e siano messi a conoscenza tutti i lettori su come una casa automobilistica abbia un pessimo servizio post vendita e un insufficiente servizio di distribuzione dei componenti di ricambio.

Nel ringraziavi anticipatamente, porgo distinti saluti.

Alessandro Furloni da Bienno (BS) - E mail: a.furloni@visiconsult.it


DELUSIONE PER ASSISTENZA ALFA ROMEO AD UNA "MY 11 JTD"

Spettabile Redazione, chi vi scrive ha acquistato una nuova Alfa Romeo MY11 JTD 2.0 Diesel, ritirata dal concessionario RAGANELLI di Roma il 30 luglio 2010. Al momento del ritiro, io stesso e gli altri tre familiari presenti, ci siamo resi conto che il sedile anteriore destro era completamente scucito sul lato posteriore; la moquette presente al lato conducente era sagomata male e uno dei bocchettoni dell'aria condizionata presentava un'aletta rotta.

Fatto presente il tutto al venditore, lo stesso mi voltava le spalle dichiarandomi che avrei dovuto rivolgermi all'assistenza....

A nulla sono valse le mie ragioni, nonostante le numerose telefonate al numero dell'assistenza stessa.

Ad ottobre, finalmente, e dopo vari mesi, ricevo una telefonata da una donna del servizio assistenza, la quale mi informa che non avrei dovuto ritirare l'automobile. Il fatto è che io avevo appena consegnato all'autosalone stesso la mia autovettura vecchia ed ero sotto una pioggia torrenziale con mia moglie, disabile, a cui l'autovettura è intestata e l'Autosalone stava chiudendo.

Dopo tre mesi di attesa ho provveduto io stesso a far cucire e sistemare il sedile a mie spese, sapendo che non avrebbero fatto nulla, visto il modo in cui ero stato trattato. Sono un venditore e non ho mai trattato i clienti in questo modo. Il servizio assistenza, ora, mi riferisce che dovrei presentarmi nello stesso Autosalone in cui ho acquistato l'automobile per le riparazioni...cioè dagli stessi che precedentemente mi hanno immesso a presentare reclami per ben tre mesi. E' ovvio che non metterò mai più piede in quel posto, che non rivendico assolutamente nulla dai signori Alfa Romeo e che non acquisterò più tale marchio.

Giancarlo Bruschini - Roma - E mail: giancarlo.bruschini@hotmail.it


MERCEDES e privacy bagagli

Gentili Signori, Vi scrivo per sottoporvi una problematica, a mio parere molto seria relativa alla vettura citata in oggetto. Nel dettaglio, si tratta della Mercedes GLK 220 DIESEL 4matic, immatricolata in data 1/09/2010 e acquistata presso il concessionario Mercedes di Pordenone
"GERMACAR". Mi sono già rivolto al Customer Assistance della Azienda dove ho
esposto le varie problematiche: il navigatore modello "COMAND" (optional) costato 3.600,00 € e NON AGGIORNATO e non compatibile con l'IPHONE (il cellulare più venduto al mondo) e la cosa più GRAVE, ho notato che il copribagagliaio non copre i bagagli creando  situazioni di disagio nel trasporto di oggetti di valore.
Il Customer Assistance ha risolto solo la problematica relativa all' aggiornamento del navigatore mentre invece non intende risolvere gli altri
problemi, infatti mi hanno risposto in relazione al copribagagliaio, che non è un difetto della vettura, poichè la stessa è nata così e che quindi
non possono risolvermi il problema, costringendomi a non poter utilizzare il bagagliaio per tutelare degli oggetti anche di pseudo valore che mi servono per la mia attività professionale (portatili etc..). Il bagagliaio di una macchina non rientra nella privacy? E in questo caso la conformità della Merccedes non ha una falla?

Alessandro Di Gaetano - E mail: robidiga@libero.it


"FORD FIESTA" 1600: POCHI KM MA MOLTI PROBLEMI

Vi ringrazio della cortesia ho una Ford Fiesta 1600 90 cv motore dohc tci.
Il problema inizia a km 9500 circa:
ventole impazzite, sostituito relè ok fino 9800 km - spia gialla motore :officina per ripristino
10000 km ancora spia gialla + rigenerazione dpf forzata
10200 km spia gialla + sul display autoradio sostituire olio motore + filtro+ rigenerazione dpf forzata
Sostituito il tutto ma mi sono rifiutato di pagare al seguente motivo: la vettura non ha fatto i 20000km del tagliando
10400 come sempre + rigenerazione dpf forzata+ sul display autoradio sostituire olio motore + filtro
E cosi via fino a 12500 e l'ho lasciata in officina da quasi 10 giorni e ho chiamato Ford Italia ma ….. non si sono fatti vivi.
Il meccanico mi ha riferito che ha spedita fax in Germania da 5 giorni ma nessuna risposta.
Posso valermi nel richiedere una vettura nuova visto i problemi che ha …????
Cordiali saluti. Mirco secco - E mail: mirco.secco@alice.it

 

>>Torna su

 

Note legali: il contenuto delle lettere pubblicate impegna integralmente gli autori, sollevando la Redazione di "Spazio Motori" da qualsiasi responsabilità.

Chi ha bisogno di una consulenza Legale specialistica, da parte di Avvocati esperti del settore che lavorano in convenzione con Noi, è pregato di scrivere qui: legale@spaziomotori.it

PRIVACY: Eventuali dati personali saranno trattati nel rispetto della Legge 196/2003 e succ. ( privacy ).

 

Pag. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9


Home pageCopyright 2000/2016 © - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Testata giornalistica autorizzata dal Tribunale di Napoli-registr. n. 5141-Provv.del 27-06-2000.

Editore: associazione culturale no-profit "Confgiovani"- Iscr. ROC n.19181. Direttore Resp. Dott.Massimiliano Giovine - giornalista (Tes. Prof. n.120448, già n.84715).

Direzione, Redazione: via D. De Dominicis, 20 c/o Giovine-cap. 80128 Napoli. E' vietata la riproduzione o trasmissione anche parziale, in qualsiasi forma, di testi, immagini, loghi ed ogni altra parte contenuta in questo sito web senza autorizzazione.

La Redazione non è responsabile di eventuali errori imputabili a terzi, nè del contenuto delle inserzioni riservandosene, pertanto, la pubblicazione.

Nomi e numeri sono citati a puro titolo informativo, per offrire un servizio al lettore. Proprietà artistica e letteraria riservata ©. Vedi gerenza e note legali/tecniche.

|Anno XV num.6 - Nov./Dic. 2016| - Per informazioni e contatti e-mail: redazione1@spaziomotori.it

Sito web ottimizzato per "Firefox", Internet "Explorer 5.0" o superiore - Risoluzione schermo consigliata: 1024 x 768 pixel - >>Privacy/Cookie<<